INTERVISTA | Buford Pope: dalla Svezia il mio country folk…

Buford Pope è un cantautore svedese. Mikael, questo il suo vero nome, è un “cowboy di strada” e ha appena pubblicato il suo sesto disco intitolato Blue Eyed Boy. Ce lo racconta in questa intervista…

Buford Pope: ciao e benvenuto su Blog della Musica. In poche righe per i tuoi amici italiani puoi dirci chi sei e cosa fai?
Ciao, il mio vero nome è Mikael ma ho pensato che Buford Pope suonasse meglio per un cantautore. Sono solo un cowboy di strada che scrive canzoni. Mi occupo anche un po’di macchine usate, come professione secondaria.

Mikael, quali sono stati i tuoi primi ascolti musicali? E ora da chi ti fai ispirare quando componi?
Sono cresciuto con tutti i generi di musica, ma niente mi ha fulminato finché non ho ascoltato Bob Dylan. Poi ho continuato ad ascoltare tutti quei cantautori che avevano storie da raccontare e così faccio tuttora!

Cosa pensi della musica italiana?
Ho solo cose positive da dire sulla musica italiana, ho avuto l’opportunità di suonare con diversi musicisti italiani di talento e ho diviso il palco con alcuni cantautori italiani…

E, più in generale, secondo è cambiato in meglio il panorama musicale europeo negli ultimi decenni?
Potrebbe, ma non so dire con certezza in quale direzione…

Blue Eyed Boy è il tuo nuovo album. Ci racconti la genesi di questo disco?
Ho lavorato su quest’album per anni, alcune delle canzoni presenti in esso hanno addirittura 10 anni, è un album che ho portato con me “on the road”. Non potevo lasciarlo al caso, volevo che tutto venisse impresso e registrato con la stessa percezione e atmosfera nelle quali avevo registrato la prima canzone, e ce l’ho fatta!

Se potessi ascoltare un unico brano del tuo nuovo disco, quale dovrei ascoltare? Perché?
Probabilmente sarebbe “Still Got Dreams”, semplicemente perché è la prima canzone di quest’album ad essere stata scritta.

Parlaci ora dei testi dei brani di Blue Eyed Boy come nascono? Di cosa ci raccontano?
I testi parlano principalmente della mia vita, delle persone a me care e di tutte le esperienze che ho fatto…

E le sonorità musicali di Blue Eyed Boy? C’è un suono particolare che ricerchi e che vuoi trasmettere?
Si, sono riuscito a catturare e a rendere in maniera praticamente autentica nella registrazione del disco, il suono che avevo in testa durante il processo di scrittura delle canzoni.

Se tu potessi collaborare con un musicista del passato, chi sceglieresti?
E’ difficile rispondere a questa domanda, ce ne sono così tanti. Sono sempre stato un grande fan di Ry Cooder!

Mikael: parlaci dei tuoi prossimi progetti musicali…
Ho grandi progetti, ma alla fine sono semplicemente grato di essere in grado di scrivere canzoni e di condividerle. Ho iniziato abbastanza tardi a scrivere musica, avevo 30 anni e non avevo nessun progetto, a parte quello di scrivere i miei pensieri…

Grazie Buford Pope per essere stato con gli amici del Blog della Musica.
Grazie a voi, è stato un piacere!

Info: https://www.facebook.com/bufordpope

Leave a Reply

cinque × due =