INTERVISTA | Silverbones: i pirati dell’heavy metal

I Silverbones, band heavy metal, sono ospiti del Blog della Musica in questa intervista dove ci parlano dell’album Wild Waves, dei loro concerti e dei loro sogni…

Ciao e benvenuti Silverbones! Come e quando avete scoperto di amare la musica metal?
La musica metal è sempre stata dentro di noi sin da quando abbiamo cominciato a capire di essere al mondo. Diciamo che nel periodo dell’adolescenza, alle scuole medie, quando si comincia ad esplorare il mondo musicale che ci sta attorno, siamo tutti rimasti folgorati da questo meraviglioso genere che è il metal e da lì è stato un bellissimo viaggio senza fine che tutt’ora stiamo vivendo!

Quali band vi hanno spinto a mettere su un gruppo? Cioè su quali ascolti eravate improntati quando avete deciso di avere la vostra band?
Le band che ci hanno spinto maggiormente a mettere in piedi i Silverbones sono state principalmente i gloriosi Running Wild, band alla quale ci ispiriamo maggiormente, nonchè Judas Priest, Iron Maiden, Manowar, tutto ciò che riguarda insomma il filone dell’heavy metal anni ’80.

Da quale strumento nasce la realizzazione dei brani? Quale componente si occupa del songwriting?
I brani nascono principalmente dal basso, perchè il songwriter sinora è stato Andrea, il bassista. Lui scrive le linee melodiche, i riff, e le varie parti per ogni strumento, dopodichè le si prova e le si arrangia all’interno della band.

Avete appena pubblicato il vostro album di debutto Wild Waves. Cos’ha di particolare questo album? Qual è il vostro pezzo preferito?
Questo album ha di particolare che rappresenta appieno l’idea che abbiamo di musica: riff taglienti e veloci, melodie epiche nei cori da cantare a squarciagola, un sacco di assoli ed una batteria sempre presente e carica a sostenere il tutto. A livello dei testi, ci ispiriamo prevalentemente alla pirateria, approfondendone alcuni aspetti e personaggi, ma non ci limitiamo soltanto a quello (vedasi The Undead o Wicked Kings per esempio). Il nostro pezzo preferito è probabilmente Raiders Of The New World, del quale abbiamo pubblicato anche un video. Si tratta di un brano estremamente carico che ben rispecchia quello che è il nostro modo di esprimere noi stessi come band.

Cosa dovrebbe convincere il pubblico ad ascoltare proprio l’album dei Silverbones in mezzo ad una concorrenza così vasta?
Noi vogliamo far rivivere al pubblico quelli che sono i grandi fasti dell’heavy metal tradizionale, cosa che purtroppo al giorno d’oggi si sta perdendo molto. Rendiamo omaggio ad un’epoca straordinaria e cerchiamo di farla rivivere tramite i nostri pezzi, che oltre ad essere un omaggio contengono ovviamente anche degli spunti personali di ognuno di noi.

silverbones-live-band

I Silverbones durante uno dei loro concerti

Descrivete un vostro concerto…
Ci sentiamo prevalentemente una live band, rendiamo molto sul palco, ancor più che in studio. I nostri live sono sempre molto dinamici, incitiamo il pubblico a partecipare e ad urlare a squarciagola con noi, il tutto in un’atmosfera particolare in quanto badiamo molto anche all’aspetto scenico: abbiamo dei costumi di scena molto ottantiani, ed anche degli ornamenti quali colonne di fumo, bandiere ecc…, che ci siamo costruiti artigianalmente e quindi sono unici, il tutto per dare anche un forte impatto visivo oltre che sonoro.

Con chi vi piacerebbe andare in Tour?
Running Wild
sicuramente, quello è il nostro sogno! Di altre band un po’ meno famose ma che adoriamo, ci piacerebbe andare in tour con Grave Digger, Lonewolf, Blazon Stone (se, come sembra, cominceranno ad uscire dal vivo), Majesty e Crystal Viper.

In quale festival europeo o extraeuropeo vorreste suonare?
Sinceramente è difficile scegliere un festival preferito, sono tutti fantastici! A parte i principali grandi nomi quali Hellfest, Wacken, Download ecc…, ci sono parecchi festival heavy metal magari meno conosciuti, ma con un pubblico che apprezza veramente tanto il nostro genere e ci piacerebbe parteciparvi.

Quanto è importante trasmettere energia al proprio pubblico?
Per noi è un aspetto fondamentale, Wild Waves è un album di pura energia e per noi è importantissimo, se non fondamentale, uno scambio con il pubblico. Per questo siamo sempre molto dinamici, diamo importanza all’aspetto visivo, ma soprattutto cerchiamo di interagire e coinvolgere il pubblico il più possibile, perchè senza di esso non saremmo nulla. Ed è anche un po’ il nostro scopo personale: passare del bellissimo tempo assieme a suon di heavy metal!

Info: https://www.facebook.com/silverbones.heavymetal/?fref=ts

Leave a Reply

cinque × uno =