INTERVISTA | Ädept ci presenta “Nothin’ Near”

Ädept è un producer che proviene dallo Utah, precisamente da Salt Lake City. Il suo ultimo album si intitola Nothin’ Near e ce lo racconta in questa intervista per Blog della Musica

Ciao e benvenuto, puoi in poche righe presentarti ai nostri lettori?
Il mio nome è Chart, ma il nome d’arte come producer è Ädept. Sono nato e cresciuto a Salt Lake City, Utah. Sono un discendente polinesiano e amo coltivare l’amicizia con i miei amici, la mia famiglia e fare musica nel mio tempo libero. La mia gente è cresciuta nelle isole e poi è emigrata qui negli Stati Uniti. Il reggae è in realtà il mio stile preferito che ho potuto ascoltare e imparare da Bob e Steel. Ma a me piace produrre musica elettronica e hip-hop.

Il logo di Adept su fondo blu

Ädept, come ti sei avvicinato alla musica?
Mi sono avvicinato alla musica carico di incertezza: non avevo un passato musicale, né suonavo alcun strumento. Ricordo di aver seguito un corso di teoria musicale quando ero al college e sono quasi stato bocciato, non aveva senso cercare di leggere tutte le scale e le note, ecc. Ma la musica è qualcosa che mi è sempre piaciuta e sapevo di volere prenderci parte. Ho sempre usato cassette vuote per registrare canzoni dalla radio, ma una volta uscito il masterizzatore CD, ho masterizzato tutti i tipi di stili musicali e venduto CD a scuola e sono stato quello che suonava sempre buona musica. Quando io e i miei amici assistevano a spettacoli hip-hop, ricordo di aver atteso i beat boxing durante le gare di freestyle mentre il mio amico invece amava il rap. Avrei battuto tutto il tempo, non era il massimo, ma avevamo alcune sessioni / gare di freestyle piuttosto epiche. Mi sono avvicinato alla produzione nei miei primi anni, ma non avevo idea di come usare una DAW (workstation audio digitale) e poi mi sono allontanato dal voler produrre. Ma qualcosa dentro di me mi diceva di continuare, quindi alla fine sono andato a scuola di produzione di audio, poi ho imparato a padroneggiare l’arte della produzione e lo stile di musica che voglio fare.

Influenze e contaminazioni. Che musica ascolti?
Ascolto molto Odesza, Cautious Clay, Cherub, Saint Jhon, adoro i remix di Roosevelt, anche Major Laser è stupefacente. Adoro l’hip hop, ma in particolare amo il modo in cui i produttori di elettronica fanno la loro musica e vanno davvero oltre i confini. Ma poi amo anche lo stile e l’atmosfera dell’Hip-hop / trap, quindi a volte mi piace mettere insieme i due stili

Qual è il tuo ultimo album? Puoi parlarcene?
Il mio ultimo disco è Nothin’ Near. Ho fatto Nothin’ Near per una mia amica che sa cantare; le ho chiesto di inviarmi 3 canzoni che le piacciono, abbiamo gusti molto simili, quindi sapevo che mi sarebbe piaciuto quello che mi avrebbe mandato. Mi ha mandato Lauv – Paranoid, Borns – Dug my heart and Pink sweats – honesty. Stavo ascoltando moltissimo Odesza e Cautious Clay allo stesso tempo e poi ho iniziato con il ritmo. Non pensavo di essere abbastanza bravo per avere un cantante nelle mie canzoni, eppure mentre stavo ancora imparando allo stesso tempo stavo facendo la canzone. Il ritmo stava andando molto bene. Le ho mandato il brano che le è piaciuto, ma penso che fosse sopraffatta e in qualche modo uscita dalla musica. Quindi, il mio amico Fin’e voleva entrarci anche lui, ero un vero inferno, sì, sono giù ma abbiamo bisogno di una cosa chic per arrivare e così mio cugino mi ha inviato un video di questa ragazza che si esibisce nei bar e fa cose acustiche musica e mi ha detto di accalappiarla. Mi sono ritrovato con altri ritmi e mi sono dimenticato del mio perché mi ha assillato e mi ha ricordato che le aveva detto che produco, quindi è come se mi stesse aspettando. Ho acuto il suo numero, è venuta e mi ha cantato alcune cose tipo Danielle “Elsha” era davvero brava, mi piaceva la sua voce in uno stile piuttosto indipendente. le dissi che avevo una canzone se le interessava, non aveva sentito nessuna delle mie cose, quindi non sapeva cosa aspettarsi. Poi noi tre abbiamo collaborato insieme.

Riguardo le sonorità del tuo disco. Cosa ci puoi dire in proposito?
Il mio suono è piuttosto originale, mi piace fare una canzone hip hop, la struttura è piuttosto semplice, ma con uno stile elettronico / unico mescolati insieme. Vado davvero con uno stile che si distinguerà dagli altri produttori. Ognuno ha il suo suono o stile distintivo dove diventi qualcosa tipo…“oh lo conosco” e anche il mio è così.

E per quanto riguarda i testi di Nothin’ Near?
Nothin ‘Near parla dell’inaspettata svolta delle relazioni o qualsiasi cosa in generale con cui ci sia stato un legame emotivo. Quando ho mostrato per la prima volta a Elsha il ritmo, ha detto che le dava la sensazione di perdere una persona che non avresti mai pensato di perdere. Blue Oni Sin ha catturato l’atmosfera e ha scritto di conseguenza, quindi noi tre l’abbiamo trasformata in una canzone. Nothin near riguarda gli alti e bassi, i sentimenti sconosciuti che si sperimenteranno pensando che non ci sia nulla di simile in vista. Nothin near è una storia ben raccontata per non dire altro.

Com’è la scena musicale nel tuo paese, lo Utah?
La scena musicale nel mio paese è piuttosto bella, sembra che Rap / Hip-Hop sia il genere numero uno in America in questo momento, quindi sembra che tutti cavalchino quell’onda. Soprattutto con la nuova schiera di rapper. Anche la musica è piuttosto varia allo stesso tempo. Penso che l’hip-hop / EDM / Pop siano i generi più forti in questo momento e, naturalmente, nel paese. L’America ama il country, mi diverto un po’ con George Strait non posso mentire.

Cosa pensi della musica italiana?
Quando penso alla musica italiana per prima cosa, penso alla musica classica e al famoso compositore Antonio Vivaldi. Ricordo solo di aver imparato a parlare di lui quando ho fatto un’introduzione al corso di musica al college, anni fa. So che la storia risale a molto tempo fa in Italia e molte cose provengono da lì. I miei sono appena tornati da Roma e mi hanno mostrato un mucchio di belle foto dei Musei Vaticani nella Basilica di San Pietro. Fantastico come ci sia così tanta storia antica lì.

Ädept parlaci dei tuoi prossimi progetti musicali…
I miei piani futuri sono di pubblicare il mio primo album che sarà principalmente elettronico, e la cosa bella è che la maggior parte dei cantanti sono solo persone che conosco qui nella mia città e che so cantare. o rap. E sono giù per fare musica con me. Ma voglio sicuramente mantenere il mio stile versatile e colpire anche altri generi musicali, quindi vedremo dove vanno le cose!

Ascolta Nothin’ Near qui:

Apple Music: https://music.apple.com/us/album/nothin-near-feat-blue-oni-sin-elsha/1472800322?i=1472800323

Social e Contatti

  • Soundcloud: https://soundcloud.com/user-312515778
  • Follow Ädept: www.instagram.com/yourstrulyadept/
  • Follow Elsha: www.instagram.com/thedanisaurusrex/
  • Follow Blue Oni Sin: https://www.instagram.com/kid_meakai/

Tagged with:

Leave a Reply

uno × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.