Alessio Bondì: Ghidara | Video

Ghidara è il titolo del singolo e videoclip di Alessio Bondì, estratto dal suo nuovo album Nivuru.

E’ uscito Ghidara, nuovo singolo e videoclip di Alessio Bondì, estratto dall’ultimo disco Nivuru per 800A Records, 2018.

«L’idea del videoclip di Ghidara nasce da un’intuizione del produttore Fabio Rizzo, ossia creare un collegamento tra il mio funk e lo street-style della mia città» spiega Alessio Bondì.

Da qualche anno a Palermo impazza la moda del bike tuning: biciclette su cui è montato uno stereo capace di volumi spaventosi, tali da spaccare le finestre.

I protagonisti sono ragazzini di periferia che si aggirano sopratutto nei quartieri bene della città, per pompare il loro disagio, generando fastidio, disgusto ma anche tanta curiosità.

Un espediente perfetto per raccontare una passione violenta, il feticismo per un oggetto, che nel testo della canzone è un corpo di chitarra (o di donna a seconda dell’interpretazione) mentre nel video è questo biciclo che ormai ha poco in comune con la mia prima bicicletta.

Il videoclip di Ghidara è stato affidato alla regia di Giovanni Totaro, giovane promessa del documentario italiano, che fin da subito, ha dovuto scontrarsi con mille disavventure dovute al fatto che quella del bike tuning è una vera e propria gang che fa riferimento ad un capo che parla in rappresentanza di tutti gli altri e solo per messaggi vocali whatsapp, cosa che ha reso ogni trattativa lunga e scivolosa.

Dopo varie difficoltà Totaro è riuscito ad assoldare i nostri due protagonisti, a far realizzare delle bici ad hoc per il video e a fare le riprese.
Volevamo che fosse una storia di invidia e sentimento, tematiche, che, a certe latitudini, sono molto sentite.

La sfida più importante è stata quella di fondere il linguaggio del videoclip musicale col documentario e credo che Giovanni sia riuscito molto bene a far coesistere i due linguaggi in un’unica narrazione.

Dal “pimping” della bici al clash di decibel fino all’epilogo finale. Il racconto di una periferia, dimenticata da tutti, che urla per affermare la propria esistenza attraverso le casse di navicella spaziale su due ruote.

Testo Ghidara – Alessio Bondì

‘U to corpu è una chitarra Ca nun mi fa dormiri È dintra ‘i mura, è supra ‘u tiettu Mi cafudda ‘i sutta ‘u liettu Ru sabato au venniri L’unghia longhe ri ‘sta vita Mi ciunnaru e azzappanu E mentre tu ‘un ti scanti cchiù ‘A me arma è corda tisa E triema supra ‘u nivuru Vieni ccà cu mia E nun tinn’iri cchiù Vieni p’abballari Muoru ‘i càvuru Ciancu, coscia, coddu, curva Ra me manu a strinciri Ra to piedde a vugghiri Ra me lingua a ghinchiri Ra to corda a chianciri No svalancu ru to cuori ‘U to cuori nivuru ‘U to corpo è una chitarra Ca nun m’assuvierchia mai È ‘u stissu lignu ra cruci Mi cci inchiovu er eccu vuci Talè comu m’arridduciu Vieni ccà cu mia E nun tinn’iri cchiù Vieni vuncia ‘i scuru China ‘i ciavuru Ciancu, coscia, coddu, curva Ra me manu a strinciri Ra to piedde a vugghiri Ra me lingua a ghinchiri Ra to corda a chianciri No svalancu ru to cuori ‘U to cuori nivuru Ciancu, coscia, coddu, curva Ri me rienti ar azziccari Ri to rini a rumpiri Ra to funcia insanguniata Ra me vita a pierdiri No svalancu ru me cuori Caru paru paru No svalancu ru me cuori ‘Un mi lassari, ‘un mi lassari

Info: https://www.facebook.com/alessio.bondi.official.page/

Leave a Reply

17 − sedici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.