INTERVISTA | Bastian Baker: il cantautore svizzero rinasce nel nuovo album

Il cantautore svizzero Bastian Baker ha presentato in italia il suo album omonimo, il quarto lavoro in studio; un disco che rappresenta per lui una rinascita. Ce ne parla in questa intervista a Blog della Musica

Ciao Bastian Baker e benvenuto. Da poco è uscito il tuo nuovo omonimo album, ci puoi raccontare qualcosa a riguardo? Di cosa parla? Come è nato?
Si, questo è il mio album numero 4, ho iniziato a registrarlo due anni fa, sono andato in studio a Nashville, Los Angeles, New York e Toronto, è un album che ho fatto in stile più americano del solito.

E’ un album che mi piace moltissimo, parla delle cose che sono importanti per me, come il tempo che tutti i giorni va più rapido, più veloce. Parla anche di tutti i miei viaggi, di come non sono mai a casa, di tutte le domande che sorgono come conseguenza al mio stile di vita.

Abbiamo notato che il disco include generi differenti. E’ così? Come mai questa scelta?
Si, ci sono molti stili diversi, ci sono canzoni country, altre pop, electro-pop, ci sono brani più cantautoriali. Questo è veramente importante per me e in questo modo volevo dimostrare a tutti che è possibile fare tutto ciò che si vuole nella musica.

Come mai ha deciso di chiamare questo nuovo disco come te?
Ho preso la decisione di chiamare il nuovo album Bastian Baker perchè per me è come un nuovo inizio, è come fare un album numero 1 di nuovo. Credo che mi piaccia che si chiami come me, perchè rappresenta chi sono. Ci sono tante cose su quest’album che sono importanti per me.

Inoltre risulta anche più facile per tutti coloro che devono parlare dell’album, perchè spesso i dischi hanno nomi lunghi e complicati, questo invece è solo Bastian Baker, è molto facile.

In questo momento sei in concerto con Shania Twain per il suo tour mondiale. Ci puoi dire qualcosa di più su questa esperienza? Come hai conosciuto Shania e come definiresti il vostro rapporto?
Ho incontrato Shania Twain 6-7 anni fa al “Montreux Jazz Festival”. Ho fatto un concerto e a lei è piaciuta molto la mia musica. Dopo siamo andati a mangiare insieme con la mia e la sua famiglia e poi siamo diventati amici. Oggi la relazione che abbiamo è bellissima, è una delle mie migliori amiche. Fare un tour insieme è incredibile, è uno dei top 5 tour di quest’anno. Devi immaginare che suoniamo ogni sera davanti a 15-17.000 persone, è incredibile. E’ la miglior cosa che mi potesse succedere quest’anno.

Perchè pensi che Shania Twain abbia scelto proprio te per accompagnarla nel suo tour mondiale?
Questo lo dovresti domandare a lei! Comunque un po’ credo di sapere perchè mi abbia scelto: perchè sono in grado di salire sul palco solo con la mia voce e la mia chitarra e dare vita a un bello show. Faccio questo ogni sera, salgo sul palco per suonare mezz’ora. Ora siamo sull’aereo, sono qui con suo figlio che è anche un mio amico. Siamo tutti amici in tour e anche anche è una delle ragioni per cui sono qui.

A Shania piace la mia musica ma anche la mia persona, chi sono e il mio modo di essere entertainer. Credo che tutte queste siano le ragioni per cui mi abbia scelto.

Qual è la canzone del tuo ultimo disco a cui tu sei più affezionato?
Sicuramente Time, l’ultima traccia del disco. Ogni volta che devo cantare questa canzone è mi emoziono molto perchè credo davvero che le parole di questa canzone siano molto forti. Parlano del tempo che se ne va e questo è un tema molto importante per me. Ogni volta che la canto, le emozioni sono tante. Dopo aver ascoltato questo album mille volte, ho deciso che questa è la mia preferita.

Tu avevi una carriera nell’hockey su ghiaccio e l’hai abbandonata per dedicarti alla tua musica. Ti porti niente della tua esperienza nell’hockey nella vita di oggi?
Io giocavo ad hockey su ghiaccio già a 13 anni, quindi è una parte molto importante della mia vita. Non ho mai dovuto prendere una decisione. Quando ho iniziato con la musica in modo più serio, era per me chiaro che dovevo fare musica, era quello che avevo sempre voluto fare, da bambino, poi da teenager, e ancora adesso dopo 10 anni che sono musicista.

Con l’hockey ho imparato molte cose, come vivere con una squadra, come essere sempre al 100%, ho imparato che quando non sei il migliore puoi lavorare per esserlo. Non è importante solo il talento. Credo che queste siano le cose più importanti che abbia imparato.

Sappiamo che tu sei ancora “brand ambassador” per marchi importanti del mondo della moda. Come ti sei avvicinato a questo mondo? Credi che continuerai con questa esperienza?
Mi piacerebbe lavorare nel mondo del fashion, come hai ricordato ho già cominciato. Ho fatto delle collaborazioni con Heidi.Com, brand Svizzero, con Metro Boutique, da 4 anni con Hugo Boss, ogni volta che devo partecipare un Award o a un concerto importante mi danno i vestiti, mi piace moltissimo.

Ho fatto altre collaborazioni con Omega, Harley Davidson, Audi. Io penso che al mondo d’oggi è importante poter dare esempi ai giovani, che non sia solo football o tennis. Penso che se un artista è in televisione anche in questo modo sia una cosa positiva. Non capisco coloro che non vogliono fare queste cose, perchè possono essere veramente cose che aiutano i musicisti a farsi conoscere.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Ora sono in tour con Shania Twain, l’ultimo concerto è il 23 Dicembre. Poi torno in Svizzera dalla mia famiglia per Natale. A Gennaio e Febbraio continuerà la promozione del disco in vari Paesi e poi a Marzo comincio il mio tour solista. Parteciperò ad alcuni festival in estate e poi continuerò a suonare a fine anno. Sperando che diventi un tour mondiale…!

Info: https://www.facebook.com/bastianbaker/

Leave a Reply

2 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.