INTERVISTA | Binary Drift e la sua musica tascabile di “Pocket Tunes”

Binary Drift è l’aka con cui Mauricio Yrivarren presenta al pubblico il suo progetto musicale da solista e il suo album intitolato Pocket Tunes. Blog della Musica l’ha intervistato

Oggi ospitiamo su Blog della Musica Binary Drift: ciao e benvenuto. Per chi ancora non ti conosce puoi, in poche righe, presentarti?
Ciao, sono Mauricio e sono un cantautore di base a Madrid. Recentemente ho pubblicato il mio album intitolato Pocket Tunes con l’alias di Binary Drift. Vengo da Lima (Perù) e vivo a Madrid da 8 anni.

Come cantautore e come solista, perché hai scelto di far uscire la tua musica con il nome Binary Drift?
Mi è sempre piaciuto il concetto che sta dietro ad artisti come “Bright Eyes” e “Dashboard Confessional”, che sono solisti nascosti dietro uno pseudonimo come anche i “Nine Inch Nails”. Il nome Binary Drift mi girava per la testa da un bel po’, e dato che è difficile fare il solista ho sentito che usare un alias avrebbe bilanciato le cose. Inoltre, ho pensato che fosse un semplice passo iniziale prima di mettere insieme una band. Ho pensato che avrei prima scritto, registrato e pubblicato un album, e poi avrei trovato i membri per formare una vera e propria “band”.

Finora mi sono esibito solo con la mia chitarra, ed è qualcosa che mi piace davvero. Riprodurre le canzoni allo stato grezzo, solo chitarra e voce, è un modo onesto di presentare le emozioni e mettersi in sintonia con il pubblico. Però l’idea di mettere insieme un gruppo rimane, e speriamo di riuscire a realizzarla presto!

Come ti sei avvicinato alla musica?
Molti bambini attraversano una fase in cui si connettono realmente con la musica. Non ho fatto eccezione. Quando ero un ragazzino, la maggior parte della musica di cui ero consapevole era la musica ascoltata dai miei genitori (Beatles, Bee Gees…). Ma è stato nei miei primi anni dell’adolescenza che ho iniziato a scoprire molti gruppi i cui testi e l’energia che sentivo mi parlavano direttamente. Mi trovavo insieme ad amici con gusti simili ai miei in fatto di musica e ho provato a suonare Silverchair e le canzoni dei Nirvana. Da adolescente poi mi sono trasferito nel New Jersey, dove ho anche suonato in diversi gruppi, ed è stato lì che ho iniziato a cantare durante le prove e sono diventato il cantante della band.

Contaminazioni e influenze: Binary Drift ascolta molto la musica di…?
Le mie influenze? Mmm, domanda difficile a cui rispondere! Sinceramente ascolto di tutto. Anche se posso dirvi gli artisti che mi hanno fatto impressione nel corso degli anni. Silverchair, Smashing Pumpkins e Nirvana erano le mie band preferite quando ero adolescente. Poi è arrivato il Britpop e ho scoperto sia gli Oasis che i Verve. C’era una band chiamata Kula Shaker, il cui album “K” è ancora uno dei miei album preferiti di sempre. Ricordo i The Strokes che sono stati il punto di svolta. Sono arrivati ed hanno cambiato la scena musicale. Il loro primo album Is This It?, mi ha dato il merito di rivitalizzare la musica per chitarra e di essere il catalizzatore di una nuova ondata di artisti.

Ciò che è interessante è che i gruppi che ho appena menzionato mi hanno anche permesso di scoprire / riscoprire band dell’era precedente. Ad esempio, attraverso Oasis e i Verve ho riscoperto i Beatles, Cat Stevens e Big Star. Un altro esempio potrebbe essere una canzone dei Smashing Pumpkins, del 1979, attraverso la quale ho scoperto i Cure. Attualmente sto ascoltando una band di Detroit chiamata Greta van Fleet, che penso sia incredibile. Secondo me si avvicinano alla musica rock / chitarra come puristi, non hanno mai paura di guardare ai classici per fare grande musica oggi.

Potresti per favore parlarci del tuo nuovo cd Pocket Tunes?
Pocket Tunes è stato rilasciato alla fine di febbraio di quest’anno. Ho iniziato a lavorarci su a fine 2017, dopo aver incontrato il produttore Josemi Sánchez tramite un amico comune. Ci sono voluti circa un anno e mezzo per registrare. Avevo già pronte diverse canzoni prima di incontrarlo. Circa la metà di queste le avevo scritte molti anni fa, ma non le avevo ancora registrate correttamente. Josemi nel suo ruolo di produttore era molto bravo nel tradurre le idee. Mi ha anche incoraggiato a scrivere altre canzoni che alla fine sono diventate parte di Pocket Tunes

Ci parli del titolo dell’album Pocket Tunes? Non è un titolo comune da sentire, c’è dell’altro?
Non c’è niente di criptico nel nome. Le canzoni che compongono l’album sono piuttosto corte. La maggior parte di loro dura meno di 3 minuti. Mi è sembrato che se avessero una forma fisica, sarebbero stati questi piccoli oggetti che potresti facilmente inserire nelle tue tasche. Pertanto Pocket Tunes è stata una scelta naturale per il titolo dell’album. Anche se questo è il titolo che ho dato all’album, ognuno è libero di avere la propria interpretazione.

E i testi di Pocket Tunes? A chi si rivolgono…
Spesso capisco cosa significano le parole dopo aver finito di scrivere la canzone. Ciò è accaduto con il brano di apertura All These Years Gone By, in cui ho realizzato che stavo affrontando due sentimenti: la nostalgia e la speranza. Photographs era un caso simile, in cui le parole si rivolgono – a modo mio – alle emozioni che stanno dietro le parole “perdonare e dimenticare”. Altre canzoni come Drifting e Why Are Running sono canzoni d’amore dirette, e le ho scritte proprio per riflettere questo. Ho scritto le parole per le due canzoni più ottimistiche Power Inc. e Walk on by dopo aver letto un libro di Sheldon Wolin intitolato “Democracy Inc.”. Il titolo di Power Inc. si basa chiaramente sul libro, che discute ciò che l’autore descrive come “Totalitarismo invertito”, una forma di democrazia gestita in cui il pubblico ha accettato inconsciamente la propria sovranità di perdita. È un libro affascinante. E ha ispirato molti testi, abbastanza per due canzoni!

Vediamo che l’album esplora diversi generi. Gli album di solito rientrano in una categoria, ma non in questo caso. È stato uno sforzo deliberato toccare stili diversi?
Non so se è stato uno sforzo deliberato esplorare diversi generi. Ma volevo che Pocket Tunes fosse divertente, e questo significava provare cose diverse come scrivere una canzone da discoteca come Love U Blind dove abbiamo aggiunto parole parlate in francese o aggiungere una canzone bossa nova come A Song for Vampires dove vi troviamo un flauto.

In effetti, la maggior parte degli album rientra in una categoria, che sembra essere la norma. Quando si tratta di una band o di un gruppo, e c’è una dinamica quando i membri si riuniscono e questo in un modo si traduce nel “suono” della band. E successivamente quel “suono” viene assegnato a un genere.

Nel caso di Pocket Tunes potrebbe anche essere che si tratta di uno sforzo da solista e che le canzoni non sono state canalizzate attraverso una dinamica di gruppo, e quindi le canzoni suonano dissimili.

Troviamo anche dello stile manga nel tuo album. In un’epoca in cui i cd non vengono più venduti e i fan non gravitano sui formati fisici come in passato, quanto è importante per te l’artwork di un disco?
Sono contento che l’abbiate notato! Crescendo sono stato un fan della serie manga “Robotech”. Anche se “Cobra” era il mio preferito! L’artwork è molto importante per me (sia la copertina dell’album che il booklet) e penso che sia l’estensione delle canzoni in un album. Ci sono stati casi in cui ho comprato un album basandomi solo sulla copertina. Concordo con la tua affermazione secondo cui ci stiamo sempre più spostando verso un’era digitale in cui i cd non vengono più venduti come in passato. Ma penso anche che si apra una nuova finestra per la grafica musicale. Il download di un MP3 o di uno streaming ti offre solo un’esperienza di ascolto, tuttavia un video ha suoni e immagini. Pertanto, per me i video lirici stanno diventando il nuovo opuscolo. L’idea di Pocket Tunes è che ogni canzone abbia il proprio video-lyrics. Sto lavorando con Pedro Kyu Fontao, che è un grande grafico e giornalista e finora abbiamo creato video-lyrics per Power Inc., Love U Blind (e la sua versione spagnola “Ordinario”) e per A Song for Vampires. Il nostro obiettivo è che ogni video sia diverso dall’altro.

Potresti dirci qualcosa sui tuoi progetti futuri per i prossimi mesi?
Nei prossimi mesi voglio continuare a fare video-lyrics e, naturalmente, continuare a suonare dal vivo. Madrid è una grande città con molti luoghi e non vedo l’ora di suonare in diverse parti della città. Attendo anche Pocket Tunes per continuare a viaggiare online in posti diversi fuori dalla Spagna. Spero che questa estate io possa arrivare in Italia e suonare lì.

Grazie Binary Drift per essere stato con Blog della Musica.

Ascolta Pocket Tunes su Spotify

Info: https://www.facebook.com/BinaryDrift/

Tagged with: ,

Leave a Reply

6 + cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.