Dona&Civico14: solidarietà per Giulia

Il cantautore Donatello Ciullo ha organizzato un evento benefico a favore di Giulia Giovine, una giovane ragazza di Muggiò affetta da una grave malformazione cerebrale. Ce ne parla in questa intervista…

Giulia e Donatello Ciullo

Giulia e Donatello Ciullo

Il 19 marzo 2016 alle ore 21.00 all’auditorium Magnetto di Almese (To) (Via Avigliana, 17) si terrà il concerto organizzato dal cantautore Donatello Ciullo per raccogliere fondi da devolvere a Giulia Giovine, una ragazza di 21 anni di Muggiò affetta sin dalla nascita da oloprosencefalia, una grave malformazione cerebrale. Recentemente il papà di Giulia, Gerardo Giovine, ha perso il lavoro e lui e la moglie, la sig.a Lucia, hanno gravi difficoltà a far fronte alle moltissime spese indispensabili per dare tutto il necessario alla giovane figlia colpita da questa terribile malattia.

Donatello Ciullo, cantante, foggiano di nascita, ma ormai torinese di adozione, ha deciso di scendere in campo in prima persona e tentare di dare una mano alla famiglia Giovine organizzando un mega concerto che vedrà la partecipazione di molti artisti.

Donatello, cosa ti ha spinto a rischiare in prima persona organizzando un evento benefico?
Ho sempre pensato che l’arte la cultura possono e DEVONO  fare molto per il sociale, non è la prima volta che ci metto la mia faccia, i miei soldi e tutto il mio tempo per organizzare da solo un evento per solidarietà, e onestamente fino ad ora le cose sempre andate bene (speriamo anche adesso).

Questa volta a livello organizzativo sono aiutato da due grandi artisti che sono Frankie Converso, di Rock in Town, e il simpaticissimo oltre che bravissimo Giubbe degli Sneakers e poi c’è il grande aiuto del Comune di Almese dove ho veramente trovato un’Amministrazione disponibilissima, e tutti si stanno dando molto da fare per aiutarmi oltre che salire sul palco con me in quella serata. Frankie presenterà e Giubbe ci delizierà con la sua voce.

Perché hai abbracciato la causa di questa famiglia e non magari di altre realtà?
Ho conosciuto questa famiglia proprio durante un concerto per l’associazione “LIBERA”, la loro situazione mi ha colpito parecchio ed ho deciso che dovevo fare qualcosa nei limiti delle mie possibilità per amplificare il loro disagio dovuto alla mancanza di un lavoro e dover gestire la situazione di Giulia, il mio obiettivo è quello sì di recuperare dei fondi per dare una mano nell’immediato ma soprattutto quello di ridare dignità ad una famiglia chiedendo un lavoro per il papà di Giulia. E comunque continuo ad essere impegnato su più fronti, tra poco uscirà un doppio cd per “Terra Viva” (Centro Antiviolenza sulle Donne) dove ci sarà pure il mio brano Brivido, e continuerò a fare delle cose ogni qualvolta qualcuno chiederà il mio aiuto, su tutto il territorio nazionale….

Come funzionerà la raccolta fondi e come verranno consegnati alla famiglia?
La raccolta fondi avverrà con la vendita dei biglietti ed ulteriori donazioni che il pubblico potrà fare durante la serata. Di solito Eventbrite (il circuito di vendita dei biglietti) paga cinque giorni dopo l’evento, appena arriva l’accredito girerò per bonifico i soldi alla famiglia di Giulia Giovine, ovviamente scorporando le spese vive di SIAE, service, affitto auditorium.

Hai avuto difficoltà ad organizzare questo concerto?
Le difficoltà più grosse le ho avute all’inizio, quando ho cercato di coinvolgere qualche sponsor per aiutarmi a sostenere le spese, mi sono imbattuto in una realtà che poi alla fine mi ha fatto decidere che forse era meglio procedere da solo, non faccio nomi per correttezza ma un colosso della grande distribuzione ha detto che mi avrebbe dato una mano solo se gli garantivo massima visibilità, in poche parole tutti volevano dei ritorni, da li mi sono intestardito e sono andato avanti da solo. La solidarietà la fai senza pensare alla visibilità a mio parere…, da misantropo, asociale e testardo quale sono ho elegantemente allontanato tutti gli squali e mi sono messo a lavoro. Per il resto, grazie al Comune di Almese non ci sono state particolari difficoltà.

Gli artisti che hai coinvolto sono stati felici di parteciparvi?
Decisamente si, la Pyram Band è partita subito in quarta con un entusiasmo pazzesco, nove elementi, nove persone fantastiche. Marco Carena quella sera pur di esserci farà miracoli, voleva esserci ad ogni costo, è una grande persona un ottimo musicista, davvero una grande umanità… gli voglio bene. Giubbe degli Sneakers anche solo per un brano ma ci sarà, anche lui voleva esserci ad ogni costo, poi la splendida Frankie che si è subito resa disponibile a condurre la serata e gestire le situazioni e gli artisti dietro le quinte (non la invidio ahahah), e poi aprirò il concerto con degli amici, altre persone stupende, Gemma Castelli, Denis Ciccardi, Daniel  Porcu, Veronica Corapi, Veronica Storozhuk… anche loro mi hanno chiesto di esserci e saranno accontentati… quindi si preannuncia una grande serata.

A questo punto non ci resta che ricordare che i biglietti si possono acquistare su www.eventbrite.it e contribuire così alla solidarietà per la famiglia di Giulia Giovine.

Per maggiori informazioni si può contattare la pagina facebook: https://www.facebook.com/Donatello-Ciullo-508262842682574/?fref=ts

Leave a Reply

venti + sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.