INTERVISTA | Dr. Gimmy: dai Linea al debutto come solista con “Personal”

Una lunga carriera nei Linea ed ora un disco solista dal titolo intimo: Personal. Lui è Dr. Gimmy e lo abbiamo incontrato per sapere tutto di queste nuove canzoni

Ciao Dr Gimmy e benvenuto sul Blog della Musica. Ti va di presentarti brevemente al nostro pubblico?
Ciao a tutti! Proverò a farlo in poche righe. La musica fa parte delle mia vita ormai da tantissimi anni. A 10 anni presi in mano per la prima volta una chitarra, fu mio fratello maggiore a farmela provare, lui già suonava da qualche anno. Mi mostrò qualche accordo (non tutti!) e poi mi lasciò al mio destino. Dopo 10 anni da autodidatta, a 19 anni mi iscrissi al Centro Professione Musica (CPM) di Milano per studiare meglio lo strumento, con Franco Mussida come insegnante, e mi diplomai 5 anni dopo in chitarra, quella fu una bellissima esperienza. In quel periodo entrai a far parte e fondai insieme a 4 amici i Linea: Band di combat rock, attiva ancora oggi, infatti abbiamo appena pubblicato il nostro 5° disco, quello dei 30 anni. Ora dopo tanti anni da quel giorno che presi in mano una chitarra per la prima volta, sentivo il bisogno di fare qualcosa di mio, e ho deciso di realizzare questo mio primo disco solista.

Parliamo del tuo percorso musicale: come ti sei avvicinato alla musica e quando hai capito di voler fare il musicista
Come ho detto prima, ho iniziato da bambino. All’inizio era una cosa divertente, poi man mano che imparavo le prime canzoni con i primi accordi, la cosa mi rapiva e ci dedicavo tutto il tempo libero. Il musicista di professione purtroppo non lo faccio, ho un altro lavoro che mi da da vivere, però è come se lo fossi, perché il tempo che ho dedicato e ci dedico ancora oggi è moltissimo. Per me la musica è ossigeno senza non potrei vivere.

Personal è il tuo primo disco solista e nasce dopo una lunga carriera (ancora attiva) con i Linea. Ce ne parli?
Beh Personal è stata un po’ la realizzazione di un sogno nel cassetto. Da molti anni avevo questa idea di registrare un disco mio, fatto in casa tutto da
me. Personal è anche un tributo ed un omaggio al mio primo amore musicale, che è il Brit Pop, quello delle origini dei primi anni ’60… quindi Beatles, Kinks, Who e molti altri, e anche quello successivo che passa dagli Xtc per arrivare ai Blur.

E’ un disco molto personale, sia a livello musicale che di contenuti. I testi sono storie prese un po’ dalla mia vita passata e recente, e un po’ da storie reali che ho letto e che ci circondano ogni giorno. Musicalmente l’ho registrato tutto da solo in casa, suonando tutto… più personale di così!

Leggi di più su Dr. Gimmy e il disco Personal

Queste canzoni come sono nate? Da quale idea?
Io non riesco a non prendere in mano la chitarra almeno 2 o 3 volte al giorno, quindi quando succede può essere il momento buono che suonando, esca una sequenza di accordi o un melodia che mi cattura. Non ho un qualcosa in particolare che mi ispira, suono qualsiasi cosa e se poi mi esce qualcosa di bello, è il mio gusto personale che mi dice se può essere una cosa su cui vale la pena lavorarci. Anche per quanto riguarda i testi il tutto avviene in modo naturale, forse la cosa più difficile è scegliere o trovare l’argomento di cui si vuole parlare. Mi guardo intorno, leggo, mi informo, di spunti e di argomenti la nostra società te ne può dare moltissimi… il complicato è scegliere!

Personal è stato interamente registrato in casa. Che esperienza è stata?
Una bellissima esperienza sicuramente, anche se fatta durante il lockdown! La mia idea iniziale era quella di fare un disco tutto suonato da me, il più personale possibile. A inizio pandemia ho iniziato a registrare dei provini in casa, con l’idea poi di andare in studio e rifare tutto usando questi provini come traccia. Poi man mano che li finivo, mi rendevo conto che nel suono e nei pezzi che uscivano c’era una strana magia, un suono molto intimo, che mi piaceva molto e non volevo perdere. Quindi ho deciso di perfezionare questi provini ed i mixare e usare questi per il disco, non perdendo la magia che contenevano. Li ho fatti sentire anche ad alcuni cari amici musicisti, e tutti mi hanno detto di tenere queste versioni e di non perdere questo suono e questa magia. Se tutto questo nel disco si sente, ne sono felice… è quello che volevo.

Prima di salutarci vuoi dirci se stai lavorando a qualcosa di nuovo, da solo o con i Linea?
Come dicevo prima, io sono un mezzo (per non dire intero) malato di musica! Sono sempre al lavoro su qualcosa, non riesco a stare fermo. Quindi si,  sto già mettendo giù del materiale nuovo sia come Dr. Gimmy che con i Linea. Per cui credo proprio che sentirete ancora parlare di tutti i miei progetti o di altre collaborazioni.

Permettetemi di salutare i vostri lettori e di ringraziarvi per lo spazio che mi avete dedicato… ciao!

Social e Contatti

  • Facebook: https://www.facebook.com/gianmarco.pirro
  • Instagram: https://www.instagram.com/official_dr.gimmy/
  • Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwUA1M-k9g-mUmWEeZ2uDcg

Tagged with:

Leave a Reply

15 − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.