RITRATTI MUSICALI | Georg Philipp Telemann

Georg Philipp Telemann, compositore, musicista e strumentista autodidatta, nacque a Magdeburgo (Germania) il 14 marzo 1681 e morì ad Amburgo nel 1767. Ecco il suo Ritratto Musicale…

Biografia di Georg Philipp Telemann

Georg Philipp Telemann è nato a Magdeburgo, in Germania, il 14 marzo 1681. Figlio di un diacono luterano che morì nel 1685, venne cresciuto insieme a due fratelli dalla mamma. Il giovane George Philipp mostrò fin da piccolo un notevole talento per la musica, ma fu sempre scoraggiato dai puritani luterani amici di famiglia che dicevano alla madre di Telemann che fare il musicista era come fare il clown o il funambolo.
Ma George non ascoltò i consigli di sua mamma e continuò a studiare in segreto fino a che lei non gli permise di esercitarsi sotto la guida del Kantor Benedetto Christiani.
A parte alcune lezioni per imparare a leggere la musica, Telemann fu autodidatta ed era in grado di suonare molti strumenti tra cui flauto, violino, viola da gamba, oboe, trombone, contrabbasso, e diversi strumenti a tastiera e già dall’età di 12 anni iniziò a scrivere le sue prime composizioni tra cui l’opera Sigismondo.

A vent’anni Georg Philipp Telemann iniziò a studiare legge, ma l’incontro con l’allora sedicenne Georg Friedrich Händel lo riavvicinò alla musica e iniziò a comporre alcune cantate per una chiesa a Lipsia e divenne rapidamente una celebrità locale tant’è che nel 1702, fu nominato direttore del Teatro dell’Opera di Lipsia.

Nel 1704 divenne maestro di cappella del conte E. Promnitz a Sorau e nel 1708 si trasferì a Eisenach, dove divenne amico di J.S. Bach.

Sopravvissuto ad un paio di matrimoni non propriamente felici, Telemann continua a scrivere musica e nel 1721 l’opera Der geduldige Socrate fu eseguita ad Amburgo. Nello stesso anno, sempre ad Amburgo, Telemann venne assunto come Kantor della Johanneum e divenne direttore musicale delle chiese principali della città con il compito di scrivere due cantate per ogni Domenica, una nuova Passione ogni anno e di contribuire musicalmente per una grande varietà di eventi liturgici e civili. Nel 1722 divenne direttore dell’Opera di Amburgo e vi rimase fino alla sua chiusura nel 1738.

Dal 1740 al 1755 circa, Telemann si concentrò meno sulla composizione, dedicandosi invece molto di più allo studio della teoria musicale. Nel 1739 si fece ammettere tra i membri della società musicale Correspondierende Societät der musicalischen Wissenschaften, fornendo alla pubblicazione periodica di questa associazione, intitolata Musikalische Bibliothek, un nuovo sistema di intervalli e di temperamento apparsa nel terzo volume (anno 1752, p. 713).

La lunga vita di George Philipp Telemann si conclude a 86 anni, morirà infatti ad Amburgo nel 1767.

Conservatorio-di-Magdeburgo-George-Philippe-Telemann

Conservatorio di Magdeburgo intitolato a George Philipp Telemann

Le opere essenziali di Telemann

Tra tutte le composizioni di Telemann possiamo ricordare sicuramente la raccolta Die kleine kammermusik consistente in sei suites per violino, flauto traverso, oboe e clavicembalo, del 1716 e i molti oratori scritti negli anni 1750, tra cui Donnerode (1756), Das befreite Israele (1759), e Die Auferstehung und Himmelfahrt Jesu (1760).

La sua produzione musicale è enorme e comprende cantate, molte opere, concerti, oratori, canzoni, musica per occasioni civili e religiose, la passione, suite orchestrali e una gran quantità di musica da camera. La grande abbondanza di composizioni di Telemann fece sì che venisse preso poco in considerazione pensando le sue fossero opere di poco conto, ma negli anni ’20 si riaccese un interesse verso questo compositore, cresciuta in modo esponenziale e con il ventunesimo secolo la musica di George Philipp Telemann è suonata, conosciuta, e studiata più che in qualsiasi altro momento storico.

Lo sapevi?

George Philipp Telemann è stato uno dei primi compositori che ha pubblicato in proprio la sua musica, e almeno quaranta prime stampe di sue composizioni le ha vendute lui stesso. Queste edizioni pubblicate sono state in alcuni casi estremamente utili a renderlo famoso in tutta l’Europa; in particolare, il Der Getreue Musik Meister (1728, il primo giornale di musica tedesco), Musique de Table or Tafelmusik (1733) e i 6 Concerts et 6 Suites erano già in uso durante la vita di Telemann.

Da dove iniziare l’ascolto delle opere di Telemann

Possiamo iniziare ad ascoltare qualche composizione di Telemann dalla produzione concertistica. Dai concerti per flauto a quelli per oboe, tromba o violino. Non vogliatemene ma da ex oboista vi propongo di seguito l’ascolto del Concerto in E minor TWV 51:e1, Il Fondamento, per Oboe, archi e Basso Continuo. Buon ascolto.

Leave a Reply

12 − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.