Leandro Partenza e la Ghost Label Records

Leandro Partenza, classe 1972, batterista, milita in diverse formazioni arrivando ad incidere una decina di lavori tra singoli, Ep e Full Lenght, a cui vanno aggiunti altrettanti video. Nel 2010 si trasferisce in Inghilterra dove colleziona 100 concerti in due anni più un video e un Ep: tutto con la stessa band inglese! Di pari passo apre una nuova sede per la sua etichetta discografica Ghost Label Records, già in campo dal 2002 in Italia sotto il nome di Lady Music Record

Ciao Leandro, la prima domanda che faccio a tutti è: come mai l’esigenza di aprire un’etichetta discografica?
Ciao Silvia, semplicemente la passione per la musica un domani, molto domani non avrò più la forza di continuare a suonare la batteria e visto gli anni di esperienza accumulata nella musica, voglio continuare a coltivare la passione e rimanere nell’ambiente lasciano un timido segno del mio operato.

Prima di questo di cosa ti occupavi?
Suonavo e lo faccio tutt’ora e prima ancora di dedicarmi a tempo pieno alla mia passione lavoravo in fabbrica e visto che tutti mi dicevano che ero bravo e determinato, ho pensato che sarebbe stata cosa bella buona e giusta mettere queste doti a mia disposizione invece che a disposizione di un privato. Da qui la scelta di licenziarmi, e continuare a suonare e aprire la mia label.

Adesso oltre che musicista sei anche titolare della Ghost Label Records etichetta indipendente: Cosa significa di preciso?
Quando un gruppo ha un cd pronto, può decidere se promuoverlo e distribuirlo da se oppure rivolgersi ad un esperto del settore che possa seguire passo passo il lavoro della band. Nel secondo caso entro in gioco io con la mia label. E’ il mio lavoro dunque non lo faccio gratis, ma essendo musicista, capisco anche le esigenze, risorse della band dunque non sono mai esagerato nel proporre i miei pacchetti promozionali, come dico sempre in questo caso, i miei pacchetti promozionali sono accessibili a tutti.

E come mai la scelta di avere la sede a Londra?
A Londra mi ci sono trasferito perchè l’Italia ormai è satura di musica dal vivo, non c’è spazio per la musica underground o comunque ce n’è davvero poca e a condizioni pietose, dunque ho fatto la classica scelta due al prezzo di uno. Sono salito per suonare e ne ho approfittato per aprire la sede della mia Ghost Label Records.

In questi anni di attività ti sei fatto un’idea di come si sta muovendo il mondo della musica? Che ne pensi?
Come ti dicevo prima, la musica dal vivo in Italia è alla frutta, riservata alle realtà più tristi come le Cover e le Tribute bands a loro come del resto alla maggior parte dei gestori dei locali, piace vincere facile e rischiare niente. Da un punto di vista commerciale, l’Italia è un po’ indietro ricordo sempre con soddisfazione quando mi scrissero un’email dall’America dove mi riferivano che avevano scaricato da emule un’intero album e visto che gli era piaciuto se lo sono andati a comprare. Qui in Italia nella maggior parte dei casi si sarebbero fermati a emule.

Ghost Label Records chi ha prodotto finora? C’è qualche artista che secondo te ha davvero qualcosa di importante da dire?
La Ghost Label Records esiste da 14 anni dunque ne sono passate di bands da queste parti, alcuni sono stai e sono meritevoli di attenzione altri è stato un bene averli avuto per solo un anno (durata del contratto). Non scrivo chi è più bravo o meno bravo non sono il tipo 🙂 .

Quali servizi e quali competenze offrono Leandro Partenza e Ghost Label Records ai giovani musicisti?
Promozione con comunicati stampa, recensioni, interviste e lavoriamo anche video in più offriamo la distribuzione Online, Digitale e Fisica e una sorta di Booking senza esclusiva.

Leandro Partenza alla sua amata batteria

Leandro Partenza alla sua amata batteria

Negli ultimi anni il modo di fare musica e vendere musica è notevolmente cambiato, è difficile stare al passo con i tempi?
Dice che c’è una lenta ripresa per la vendita di cd, per il momento troppo maggiore richiesta per il canale digitale, forse perchè oggi passa tutto da internet, ma se tornasse alla ribalta la vendita del cd fisico, la cosa non mi dispiacerebbe affatto!

Quali sono gli obiettivi di Ghost Label Records e i sogni invece di Leandro Partenza?
Gli obbiettivi della label sono quelli di essere un ottimo trampolino di lancio per le bands che si rivolgono a noi. I sogni di Leandro Partenza sono quelli di morire nel sonno oppure durante un live dietro la mia amante batteria ovviamente il più tardi possibile :)))

Grazie Leandro e Buona Musica!

Info: www.ghostrecordlabel.com
https://www.facebook.com/ghostrecordlabel/?fref=ts

Leave a Reply

uno × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.