I Doppia Personalità si raccontano al Blog della Musica

Il Blog della Musica incontra i Doppia Personalità, gruppo triestino che ha da pochi mesi pubblicato una raccolta dei loro brani più significativi dal titolo “B.O.D.P.” e sta lavorando ad un nuovo disco. Parliamo un po’ con Giovanni il cantante e chitarrista della Band.

Ciao Doppia Personalità: come vi siete conosciuti e come mai questo nome?
Buon giorno! La band è composta da 4 musicisti: i 3 fratelli Giovanni, Marco e Tobia Milani e il quarto è Dario Chiefa un quartetto classico: Giovanni voce/chitarra, Marco chitarra solista, Dario basso e Tobia batteria. Dunque la band è nata in modo molto semplice, io Giovanni sono entrato nelle stanze accanto ed ho chiesto ai miei fratelli, i quali già avevano altri progetti musicali, di iniziare a fare musica sul serio facendo canzoni proprie… successivamente sono stato ad un concerto di amici dove mi sono completamente invaghito dalla bravura del bassista (Dario) e gli chiesi se gli fosse interessato un progetto parallelo, mi rispose di voler sentire qualcosa, e ascoltato il primo demo mi disse immediatamente di si!
Il nome Doppia personalità, invece, è stato scelto quando nel 2007 il nostro attuale manager Davide Volpe ha ascoltato uno dei nostri primi brani, l’omonimo Doppia personalità. Secondo noi il brano era ancora acerbo rispetto agli altri, ma lui disse che questo nome pur essendo lungo raccontava un po’ il nostro genere e la personalità di Giovanni il cantante (il sottoscritto). Il genere musicale infatti che si era creato al tempo sembrava desse un taglio netto fra canzoni molto lente, riflessive e con testi molto seri, ad altre cariche di energia, con testi ironici e a volte un po’ “pazzi”! Il nome della band , sempre secondo lui coincideva molto anche con il mio stile di vita. All’epoca infatti mi allenavo molto nello sport della Muay Thai e sporadicamente facevo qualche match, la sera invece quando tornavo a casa mi dedicavo alla scrittura di canzoni d’amore… Secondo lui questo mio comportamento sembrava avere un carattere “bipolare”, da li infatti il nome calzò ancora una volta perfettamente.

La band ha sempre la stessa formazione sin dagli inizi o ha subito qualche variazione nel corso degli anni?
La band é stata e sarà sempre la stessa, nel senso che al di là del legame affettivo di tutti i componenti c’è sempre stata una forte sintonia a livello musicale, i brani sono il frutto delle nostre 4 menti non di una sola e per continuare sulla stessa linea c’è il bisogno di ritrovarsi ogni volta. Va’ detto però che dal 2013 i Doppia personalità hanno avuto qualche cambiamento, ovvero Dario per motivi di lavoro importanti si è trasferito in Russia e Marco diventando papà di ben due figli non ha più potuto seguire il percorso del Gruppo a 360°. Entrambi però quando possibile ritornano per dei Live o per ulteriori registrazioni da studio. La band attualmente è sostenuta da me (Giovanni) e Tobia con l’ausilio di qualche turnista o DJ per completare l’aspetto live, restando sempre molto legati a Dario e Marco.

Il vostro genere musicale si colloca dove? Tra rock, funk, elettronica…
Fra sound e testi, le influenze musicali sono un terreno complicato, un po’ duro, si dovrebbero toccare un sacco di riferimenti difficili anche da capire, perché i Doppia personalità si sono sempre ispirati al momento della scrittura dei brani, ovvero liberi da ogni aspettativa e restrizione sulla linea da seguire. Per questo infatti, molte volte non ci è stato etichettato un vero e proprio genere, il che è stato criticato/apprezzato, c’è chi ama la libertà di espressione e chi preferisce collocare ogni cosa al rispettivo stereotipo, quello che ci ha fatto piacere leggere in una recensione è stato – I ragazzi..come a scuola, talentuosi ma non si impegnano ! Secondo me si parla sempre del buon e vecchio rock all’italiana, con qualche influenza funky/balcan forse….

Quando nel vostro percorso musicale avete capito che siete diventati musicalmente più maturi?
Dal primo al quarto album c’è stata una trasformazione sia a livello musicale che a quello della band, dove sin da subito all’uscita del primo album, firmammo un contratto editoriale con MUSIC FORCE. Nel secondo “24:15” duettammo con Tinkara artista slovena di fama internazionale e con Simona Cipollone alias Momo che partecipò a Sanremo 2004.
Successivamente il terzo album “Stile di vita” dà la grande spinta che serviva al progetto, sia a livello musicale che a quello contrattuale, infatti arrivarono i primi sponsor ed il primo contratto con un’agenzia di booking. Nella fase di creazione del quarto album invece “Scelte” si è scoperto l’ausilio di “sint” e basi, nasce così anche il quarto album e R” che da ottobre 2014 sta facendo da singolo all’ultimo lavoro nonché la raccolta “B.O.D.P.” Come dicevo prima c’è stata sempre un’ascesa, abbiamo messo piede in un sacco di club e locali fra i più famosi di Italia… e tutto ha un seguito, questo ci ha portato poi a sbarcare in Repubblica Ceca e Slovacchia, dove aiutati da Pierre Coppa (Motociclista italo/ceco), siamo diventati la band ufficiale delle gare cittadine di moto. Successivamente nel 2012 siamo saliti sul palco di Havirov (Rep. Ceca) davanti a circa 15.000 persone immersi in un festival della musica stupendo. L’anno successivo invece sul palco di Lubiana (Slovenia) ad aprire il concerto dei grandissimi Papa Roach. Oggi possiamo dire di essere molto più maturi sia in musica, nella scelta dei brani che a quello professionale dei live.

“B.O.D.P.” è il vostro quinto album. Come mai una raccolta con i brani più significativi?
L’idea è stata proposta da Alessandro, il nostro editore Music Force, che dopo l’uscita del quarto cd nel 2013 e dopo due anni concentrati solo sui live, ci ha proposto la raccolta. Ci ha fatto capire l’importanza del “non stare mai fermi “ ci fatto capire che bisogna sempre curare tutti gli aspetti, dunque non ci sono solamente i live, ma bisogna sempre rinnovarsi, passaggi in radio, nuove foto, recensioni, insomma far parlare… questa è la chiave per rimanere sempre a galla! Così è nata la raccolta dove si trovano i brani più ascoltati, ballati e cantati dei nostri 4 cd, il tutto distribuito dalla SELF. Un gran lavoro di tutto lo staff !

In quale vostro brano vi riconoscete di più?
Mmmm… bella domanda.. Come si fa scegliere… isogna dire che le canzoni sono come dei figli! Fare una canzone a volte può esser semplice e diretto, ma volte è veramente un “parto” e poi ci affeziona a tutte, come dei figli. Le crei, le senti, le suoni, ti emozionano… insomma ogni canzone racchiude attimi della nostra vita. Ma va bene forse uno dei brani dove è dura ammetterlo, ma a tutti noi da un sacco di gioia e spensieratezza e Mrs Byron, perchè quella canzone è proprio così, un po’ spensierata, allegra, ironica e ci fa saltare parecchio… qui a Trieste a volte la mettono durante il carnevale in piazza ed è difficile spiegare l’immensa emozione che proviamo a vedere la gente che ci balla e canta sopra! Inspiegabile…

So che state lavorando al nuovo disco. E’ tutto top secret o potete raccontarci qualcosa?
Si è vero stiamo lavorando ad nuovo disco e… niente di top secret. Il disco uscirà fra il 2015/2016 e vogliamo curare bene tutti gli aspetti, dunque la fretta sarà messa come sempre da parte, perchè come si possono deludere le persone che ci sostengono? Appunto non si può. Questo nuovo lavoro lo stanno aspettando in tanti, per criticarlo, ascoltarlo, cantarlo ed amarlo… dunque STAY TUNED e buon rock a tutti!

Leave a Reply

tre × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.