INTERVISTA | Inigo: assieme a Francesco Baccini per un inno alla vita

Torna sulla scena Inigo Giancaspro con un nuovo video, il quarto estratto per anticipare l’uscita del suo nuovo disco di inediti previsto per il febbraio 2018. Ecco l’intervista di Blog della Musica

INIGO: una strategia di lanci e di video assolutamente accattivante e, più di tutti, ci fermiamo ora a sottolineare questo passaggio impreziosito da una featuring di prestigio come quella di Francesco Baccini. Si intitola Mai fermarsi questa nuova canzone corredata anche di un video divertente e di contenuto che vi abbiamo presentato anche in queste pagine. Il tema sociale caro a tutti, quello di Morandi di “Uno su mille” (tanto per dirne una davvero famosa)… mai arrendersi e quel Mai fermarsi in una scrittura pop cara a Inigo che tra i tanti tasselli di questa sua carriera c’è un bel diploma al C.E.T. di Mogol. Probabilmente sono queste le più importanti canzoni d’amore e quel piglio appena bohemien non poteva che venir celebrato dalla calda voce di Baccini. La consueta intervista per gli amici di Blog Della Musica:

Mai fermarsi. Un messaggio per i giovani di oggi vittime di questa crisi o un messaggio per i grandi maestri che ormai sono prossimi alla fine di una carriera? Insomma, una canzone per tutti o per qualcuno in particolare?
”Mai fermarsi” è un messaggio universale, generato come spesso mi capita da delle riflessioni personali, ma sicuramente estendibile a diversi ambiti della vita delle persone. Suonerà scontato ma la crisio periodo di passaggio che dir si voglia si riflette a tutte le latitudini, anche e soprattutto a livello sociale, il lato professionale è solo una parte del problema.

Ma in fondo diccelo: una canzone autobiografica?
Come ti dicevo la maggior parte delle mie canzone nascono da delle riflessioni o esperienze personali e questa non fa eccezione, era e continua ad essere un periodo nel quale dovevo dire a me stesso di andare avanti sempre e comunque, lasciando perdere gli alibi e tutti gli ostacoli che si frappongono tra quello che sono e quello che voglio diventare.

Come mai questa scelta di arrivare a questo nuovo disco con una serie di singoli e di video? Una strategia che ci riporta per esempio ad un lavoro recente di Claudio Baglioni o sbaglio?
All’inizio per necessità, avevo appena vinto ”Area Sanremo” con il primo mattone di questo lavoro, ovvero la canzone ”Di me e di te” e il disco non era ancora pronto, ma quel pezzo era già di dominio pubblico. Poi con calma abbiamo registrato il disco e abbiamo deciso di fare un passo per volta. Il disco fisico oggi come oggi è un oggetto da collezione, pertanto volevamo e vogliamo che il disco possa rappresentare la chiusura del cerchio di un determinato percorso.

Baccini e Inigo. In qualche modo ti ha “trasformato” nel fare e nel vivere musica la vicinanza ad un artista simile? Dal “giorno dopo” hai modificato qualcosa di te e del tuo mestiere?
Di certo il confronto con lui mi ha dato modo di conoscere questo ambiente dal punto di vista di un artista che lo ha vissuto per trent’anni, ma soprattutto di Francesco ho potuto apprezzare da vicino la poliedricità artistica, la coerenza e il suo non avere ”peli sulla lingua”, lui è uno che dice esattamente quello che pensa senza farsi condizionare da eventuali ”ritorsioni” e vi assicuro che in questo ambiente non è cosa da tutti, anzi è cosa da pochissimi.

E prima di questo nuovo disco che ricordiamolo uscirà nei primi mesi del 2018, hai in cantiere un altro singolo?
L’idea è quella di uscire col disco accompagnato da un altro singolo più o meno contemporaneamente anche perchè ormai ci siamo, quasi metà del mio ”Terzo disco d’esordio” è fuori e la chiusura del cerchio è vicina.

Info: https://www.facebook.com/inigo.giancaspro/

Leave a Reply

sedici − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.