INTERVISTA | Tom Blankenberg: “ET” è il nuovo disco per piano solo

Tom Blankenberg è un pianista classe 1970 di Düsseldorf in Germania. Il suo primo disco uscito nel 2019 è Atermus e il 16 aprile 2021 esce il nuovo album dal titolo Et. Gli abbiamo rivolto alcune domande. Ecco la sua intervista

Tom Blankenberg da piccolo ha cantato in un coro e ha suonato in diverse band. Dopo il diploma di scuola superiore, ha iniziato a lavorare in vari studi di registrazione a Düsseldorf. Presto sposta la sua attenzione professionale verso la regia audio e il sound design per televisione, radio, pubblicità e cinema, in particolare documentari. A metà degli anni ’90 inizia a scrivere musica per film, radio, audiolibri e pubblicità.

È entrato a far parte della band indie Pop-Band Subterfuge alla fine degli anni ’90 con la quale si è esibito in numerosi concerti e tour. In seguito insieme a suo fratello Kai Blankenberg, Tom ha aperto il proprio studio di registrazione nel 2009.

Nel 2013 ha iniziato a lavorare al suo programma pianistico e nel 2019 è stato pubblicato il suo primo album da solista dal titolo Atermus, che ha ricevuto riconoscimenti in tutto il mondo. 

un primo piano di Tom Blankenberg

Tom Blankenberg, pianista

Ciao Tom Blankenberg e benvenuto su Blog della Musica, per chi ancora non ti conosce puoi presentarti ai nostri lettori in poche righe?
Mi chiamo Tom Blankenberg, vengo da Düsseldorf / Germania. Sono un sound designer, film-maker, regista, musicista e compositore. In questo momento sto facendo molto lavoro sonoro per i documentari, E oltre a questo pubblicherò il mio secondo album per pianoforte solista il 16 aprile 2021.

Come ti sei avvicinato alla musica?
Io e mio fratello facevamo musica da quando eravamo bambini su tutto ciò su cui potevamo mettere le mani. E ovviamente al pianoforte della nostra sorella maggiore. Poi da adolescente ho preso alcune lezioni di piano e ho trascorso alcuni anni in un coro classico cantando molte delle grandi opere di Bach. Dopo di che sono entrato nella musica indie pop della band tedesca Subterfuge che esiste ancora oggi. E alcuni anni fa ho iniziato ad ascoltare di più la musica per pianoforte solo e ho iniziato a comporre per questo strumento.

Influenze e contaminazioni: Tom Blankenberg ascolta molto la musica di…?
Contaminazioni? Mi piace questa parola. Ho avuto le mie influenze da Bach e dai Beatles. Ma sono contaminato dalle colonne sonore dei film. Li ho sempre amati. Così ho scoperto Ryuichi Sakamoto negli anni ’80. E ho riscoperto la sua musica nel 2010 quando è andato in tour con il suo album Playing the piano. E ovviamente Morricone.

ET, come accennavi poco fa, è il tuo ultimo disco. Puoi raccontarci qualcosa?
Sì certo, ET e uscirà il 16 aprile. E’ composto da 9 tracce che sono state enormemente influenzate dai tempi del lockdown nel 2020. È un misto di musica dal suono molto classico, quasi barocco come la mia traccia Dear, e brani d’avanguardia o classici minimal moderni come Kaschmir e quel piccolo tocco jazz su Katzaki e SLAS.

Parlaci delle sonorità che troveremo nel disco ET e di che suono stai cercando…
Per le mie composizioni di pianoforte solista che dovrebbero essere più classiche, cercavo un suono di pianoforte a coda semplice e comune, senza effetti, senza aggiunte. Ma in quell’album ci sono anche dei cosiddetti brani “classici moderni”, in cui ho usato un pianoforte verticale e ho aggiunto un po’ di delay. Ma queste sono eccezioni…

Il pianista Tom Blankenberg seduto alla finestra

Il pianista Tom Blankenberg

Che messaggio vuoi trasmettere con la tua musica a chi ti ascolta?
La mia è musica strumentale e dovrebbe comunicare emozioni ma anche raccontare una storia… Ma dipende da te che tipo di storia: ascoltalo e immagina.

Com’è la scena musicale in Germania, dove tu vivi?
Al giorno d’oggi è abbastanza varia. In questo momento ci sono molti gruppi di Deutsch-Rap (hip-hop tedesco) e abbiamo questo “Schlager”, una musica molto leggera e facile e ovviamente il Rock… ma ci sono anche molti suoni sperimentali e nuovi come il “Nonni” o “Hauschka”. E anche questa grande eredità dei compositori classici. Ma immagino che ci manchi il lato solare, leggero e affascinante della musica come in Francia o in Italia.

Cosa pensi della Musica italiana?
Amo la musica italiana. Ci sono così tanti grandi musicisti che seguo in questo momento, ad esempio Fabrizio Paterlini, Luca Longobardi, Ed Carlsen, Laura Masotto e Lorenzo Masotto. Date un’occhiata al grande progetto Mediterraneo di Masotto e Francesca Serottis (www.ladyblunt.com/mediterraneo). E c’è una canzone italiana che tutti amiamo qui in questo momento, tutti la cantano nel mio quartiere Parole, Parole di Mina e Alberto Lupo.

Vuoi raccontarci quali sono i tuoi prossimi progetti artistici? Anche se questo momento è così difficile per via del CoronaVirus…
Il mio disco è in uscita a brevissimo, il 16 aprile. Sto lavorando ad un altro video per una traccia del disco che uscirà poche settimane dopo. (due sono già usciti, il terzo uscirà la prossima settimana) E sto lavorando a una serie di cortometraggi che trattano del periodo del Corona… saranno finiti (?) Alla fine dell’anno.

Grazie Tom Blankenberg del tuo tempo trascorso con Blog della Musica. A presto!

Guarda il video di Kashmir di Tom Blankenberg su Youtube

Social e Contatti

  • Website: http://www.tomblankenberg.de
  • Instagram: https://www.instagram.com/tomblankenberg
  • Facebook: https://www.facebook.com/tomblankenbergmusic
  • Twitter: https://www.twitter.com/tomblankenberg

Streaming

  • Linktree to the main links: https://linktr.ee/tomblankenberg
  • AppleMusic: https://music.apple.com/de/artist/tom-blankenberg/1442701017
  • Spotify: https://open.spotify.com/artist/7r8MTMpVzCYkpZhasPOpD8
  • Soundcloud: https://soundcloud.com/tom-blankenberg/albums
  • Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCLIZiH4HZyMvcZlxZ43GPGg

Leave a Reply

quattordici − 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.