Happy Birthday, Last Christmas!

Last Christmas: una canzone che compie 35 anni non si vede e non si ricorda tutti i giorni. Un film e una ristampa del singolo degli Wham per festeggiare. Ma vediamo la storia di questa famosissima canzone di Natale…

Last Christmas dopo 35 anni gode ancora di ottima salute, di quell’aura magica che solo i grandi classici sanno mantenere fino in fondo.

La Sony Music ha scelto di festeggiare ristampando in edizione limitata la versione originale del singolo Last Christmas su vinile bianco da collezione ma non finisce qui, infatti, c’è anche il film omonimo con Emilia Clarke. Il film della Universal Pictures, poi, sarà accompagnato da una colonna sonora originale imperdibile che, insieme ad altri due favolosi brani degli Wham!, aggiungerà dodici capolavori della carriera da solista di George Michael. In occasione dell’anniversario inoltre, i fan potranno rivedere anche il videoclip ufficiale di Last Christmas in versione restaurata.

George Micheal ci salva ancora una volta

George Michale degli Wham!

George Michale degli Wham!

Nel dicembre 1984, due canzoni di stampo stagionale erano in lizza per la posizione n. 1: Do They Know It’s Christmas? dal supergruppo benefico Band Aid e Last Christmas degli Wham!. Certo, la competizione non era esattamente spietata. George Michael non solo aveva cantato il singolo Band Aid, ma aveva anche donato i diritti d’autore di Last Christmas alla stessa causa. Eppure, la singola saturazione natalizia di quell’anno aveva portato a una curiosità da classifica: la vittoria di Band Aid aveva fatto sì che una delle canzoni festive più amate e brillanti non avesse mai raggiunto il numero 1.

Gli anni, tuttavia, hanno visto crescere l’ubiquità di Last Christmas: 3,7 milioni di copie vendute e innumerevoli versioni di copertina in seguito (da parte di tutti da Taylor Swift e Whigfield ad Ariana Grande e Good Charlotte), ora è il singolo più venduto a non aver mai raggiunto la vetta delle classifiche del Regno Unito. C’è qualcosa di intrinsecamente mercenario in una canzone di Natale: una persona di successo può sostenere la propria immagine musicale per tutta la vita e tuttavia arrivare a compromessi. Per questo la decisione di Wham! di creare la propria canzone natalizia non è stata una sorpresa.

Mark Ellen, che ha curato le Smash Hits mentre la band era ai vertici, ricorda che molti nella stampa musicale hanno poi “detestato Wham! e li consideravano vacui cercatori di calore, navigando nella nuova economia in forte espansione”. Ma nonostante appaia come una merce malamente dolce e cinica, in realtà Last Christmas era praticamente una produzione fai-da-te.

Una canzone sotto l’albero

Copertina del vinile di Last Christmas

Copertina del vinile di Last Christmas

La canzone è stata registrata nell’agosto 1984, presso gli studi Advision di Londra un tempo alla moda (quando Wham! arrivò lì, la sua tecnologia era rudimentale e datata). All’inizio di quell’anno, George Michael aveva sottratto il controllo di Wham! – e la sua fiorente carriera da solista – da un contratto discografico. Aveva anche iniziato a costruirsi come una forza creativa seria da fondamenta tutt’altro che serie.

Il 21enne ha scritto, prodotto, eseguito e suonato scrupolosamente ogni singolo strumento in pista. Avendo gradualmente eliminato il processo di registrazione di interferenti produttori, manager, dirigenti della casa discografica e persino il suo compagno di band Andrew Ridgeley, le uniche persone ammesse nello studio di Last Christmas erano l’ingegnere di Michael, Chris Porter, e due assistenti – non che avessero molto potere decisionale. Porter ricorda di “voler disperatamente suonare campane da slitta”, ma come tutto il resto, sono stati fatti tintinnare solo dallo stesso Michael.

Il seme dello stile di produzione personale di Michael è stato seminato mentre lui e Porter erano tornati indietro dalle sessioni di registrazione nel sud della Francia per il secondo album di Wham!, Make It Big. Prenotato in uno studio a Parigi, si erano ritrovati a registrare tutto ciò che voleva senza band e senza produttore.

“Penso che sia stato quando George ha iniziato a rendersi conto che se avesse voluto, avrebbe potuto fare tutto da solo”, afferma Porter. “Poteva eliminare tutte queste altre persone e le loro idee.”

Più tardi, in Last Christmas, ciò che era stato accidentale divenne deliberato. Accompagnato solo da una drum machine LinnDrum, un sintetizzatore Roland Juno-60 e quelle campane da slitta natalizie, Porter e Michael iniziarono a registrare una canzone di Natale in piena estate, in uno studio che l’assistente aveva adornato con catene di carta e luci natalizie. Ma il processo è stato più scrupoloso che inebriante. “George non era un musicista”, afferma Porter, “non aveva alcuna formazione sugli strumenti.”

Tuttavia ha insistito per fare tutto da solo. “È stato un processo laborioso, perché stava letteralmente suonando le tastiere con due o tre dita”, dice.

Dare voce a quello che siamo diventati

Spartito di Last Christmas

Lo Spartito di Last Christmas

Parte della ragione del successo di Last Christmas è che sembra niente e tutto. La musica di supporto è estremamente semplice, tendente al generico. “È una di quelle canzoni rare con la stessa melodia e gli stessi accordi per le strofe e il ritornello, ma con una melodia abbastanza forte da sostenerla”, afferma Ellen. La musica stessa era volutamente anonima, dice Porter.

“Una delle cose davvero intelligenti di George è che si è reso conto che voleva che il focus dell’ascoltatore fosse la sua voce e non la musicalità. Quindi la musica è spesso molto nuda. In Last Christmas, c’è una base molto semplice per la voce e la melodia su cui appoggiarsi”.
Nonostante quella semplicità, Michael si sforzava anche di sembrare unico.

Normalmente quando gli artisti sono in studio, dice Porter, usano altri riferimenti musicali come pietre miliari – ma nonostante l’amore per la Motown e un debito con Chic, Michael non lo ha mai fatto. Sfortunatamente, Last Christmas assomigliava ad un certo numero di altre canzoni. Sembra straordinariamente simile alla traccia di Kool & the Gang del 1983, Joanna, e Barry Manilow pensava che fosse molto simile al suo successo del 1978 Can’t Smile Without You, che portò gli Wham! in tribunale. Porter afferma che il caso è stato espulso quando un musicologo ha presentato 60 canzoni dispari del secolo scorso che avevano una sequenza di accordi e melodia comparabili.

Clicca qui per scaricare lo spartito gratuito di Last Christmas.

Analisi e significato del testo di Last Christmas

Liricamente, tuttavia, Last Christmas è molto più elaborata: una canzone estremamente sofisticata piena di segnali contrastanti e il potere illogico che
definisce il miglior pop. C’è una tensione tra la musica e il testo: “hai la felicità nella traccia ritmica, ma al contrario hai la tristezza dell’amore non corrisposto”, dice Porter, ma la vera intelligenza può essere trovata nelle parole. Non solo il ritornello in stile rima della scuola materna prende una svolta molto forte, ma anche intrinsecamente contraddittorio – il narratore sta cercando di minare alla sua ex dedicando un’intera canzone e descrivendo quanto è stato devastato dalla loro rottura.

Ma Last Christmas non tratta solo delle bugie che ci diciamo per far fronte al rifiuto, ma anche della dissonanza cognitiva dell’amore ossessivo. Alla fine del primo versetto, Michael mostra in modo conciso questo tipo di doppio pensiero: ora sa “che stupido sono stato, ma se mi avessi baciato adesso, so che mi avresti ingannato di nuovo”.

È solo un epigramma straziante in una canzone piena di loro, che cattura il modo in cui la sfida maschera la speranza e quanto facilmente l’amore e il desiderio possano illuderci nel perdono.

Testo originale di Last Christmas

Last Christmas, I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year, to save me from tears
I’ll give it to someone special
Last Christmas, I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year, to save me from tears
I’ll give it to someone special
Once bitten and twice shy
I keep my distance
But you still catch my eye
Tell me, baby
Do you recognize me?
Well, it’s been a year
It doesn’t surprise me
(Merry Christmas!) I wrapped it up and sent it
With a note saying, “I love you, ” I meant it
Now, I know what a fool I’ve been
But if you kissed me now
I know you’d fool me again
Last Christmas, I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year, to save me from tears
I’ll give it to someone special
Last Christmas, I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year, to save me from tears
I’ll give it to someone special
A crowded room, friends with tired eyes
I’m hiding from you, and your soul of ice
My god, I thought you were someone to rely on
Me? I guess I was a shoulder to cry on
A face on a lover with a fire in his heart
A man under cover but you tore me apart
Now, I’ve found a real love you’ll never fool me again
Last Christmas, I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year, to save me from tears
I’ll give it to someone special
Last Christmas, I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year, to save me from tears
I’ll give it to someone special
A face on a lover with a fire in his heart
A man under cover but you tore him apart
Maybe next year I’ll give it to someone
I’ll give it to someone special

A cura di Laura Della Corte

Leave a Reply

tredici + dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.