INTERVISTA | Lorenzo Minozzi, producer allo Studio City Sound

Lorenzo Minozzi nel suo studio

Lorenzo Minozzi è un giovane produttore discografico, compositore e tecnico del suono italiano, ma che da alcuni anni vive e lavora in California in uno dei maggiori studi di registrazione americani, lo Studio City Sound. L’abbiamo intervistato per conoscere la sua storia…

Ciao Lorenzo Minozzi e benvenuto su Blog della Musica. Per chi ancora non ti conosce puoi brevemente presentarti?
Ciao, mi chiamo Lorenzo Minozzi, sono un produttore discografico italiano, compositore e tecnico del suono con sede a Los Angeles, California. Qui lavoro allo Studio City Sound (un famoso studio di registrazione californiano) come mixing engineer. Ho 22 anni e mi sono trasferito negli Stati Uniti a 19 anni. Come produttore musicale, realizzo principalmente dischi Pop, Hip-Hop e Dance.

Come ti sei avvicinato alla musica?
Quando avevo 8 anni ho iniziato a suonare la batteria e in seguito sono entrato come batterista nella mia prima band, gli Awoes, abbiamo creato un piccolo studio nel mio garage a Roma e ho fatto i primi lavori sulla nostra musica, oltre a produrre e registrare per altri artisti italiani emergenti come Bucha, Nzb, Junior Cally, Astol, Vlesma e altro. Continuo a concentrare la mia tecnica di produzione su batteria e ritmo, grazie ai miei anni da batterista.

Influenze e contaminazioni: Lorenzo Minozzi ascolta molto la musica di…?
Adoro scoprire nuovi suoni e musica nuova da tutto il mondo. Ultimamente ho ascoltato Nils Frahm, pianista di base a Berlino, e il nuovo album della cantante britannica Fka Twigs. Gran parte della mia ispirazione viene da artisti Bossanova come Joao Gilberto, Cartola, Moreno Veloso e molti altri.

Qual è la tua ultima produzione discografica? Puoi parlarcene?
You
di Valentina Kamenova, recentemente è stato rilasciato su tutte le piattaforme. L’ho prodotto, mixato e co-scritto. Valentina è un’artista sorprendente, una voce così bella. Il brano è un disco di Pop-Dance, ispirato ad artisti come Dua Lipa, Calvin Harris e Diplo. È stato registrato e mixato allo Studio City Sound di Los Angeles, dove lavoro. Studio City Sound è l’ambiente migliore quando si tratta di registrare e mixare sessioni. Sono fortunato ad avere accesso a tali apparecchiature all’avanguardia, le abbiamo registrate su un Neumann U47 e le abbiamo mixate su una console analogica Neve.

Parlaci del suono dei tuoi ultimi lavori: che sonorità ricerchi?
Il suono di You è ispirato alla nuova tendenza della musica pop di rubare musica EDM e Disco. La canzone ha un calo e si avvale di molti brani della sua voce intonati e alterati.

Il video in primo piano che vi presento invece è Monteverde di Aweos ft Bucha, è stato uno dei brani che abbiamo registrato nel mio garage a Roma. La canzone parla del nostro quartiere e di una storia d’amore che si svolge al suo interno. In quella canzone, mi sono occupato della produzione e ho suonato la batteria.

Parliamo ora dei testi dei tuoi brani. Che messaggio vuoi comunicare a chi ti ascolta?
You
è una canzone d’amore su Valentina e il suo ragazzo. Lei dimostra il suo amore per lui e lui il modo in cui la può attrarre e affascinarla.

Monteverde invece, è come un elenco di ricordi sulla crescita nel tuo amato quartiere. Racconta una storia d’amore e ricordi di alcuni amici.

Qual è la scena musicale in California, dove vivi, o più in generale negli Stati Uniti?
Per il lavoro che svolgo, l’industria musicale degli Stati Uniti è semplicemente migliore di quella italiana. Qui il numero di opportunità è incredibilmente più alto e ci sono più soldi per realizzare idee e progetti che altrimenti sarebbero sembrati impossibili da realizzare.

La tendenza americana della musica moderna è quella di ridurre le canzoni e gli album (insieme all’artista stesso) a una semplice forma di intrattenimento, una distrazione da usare come supporto e accompagnamento ad altre attività (dalla cucina, al divertimento, mentre guidi l’auto o fai sesso). Queste trasformazioni sono, dal mio punto di vista, irreversibili e inalterabili. Questa non è necessariamente una cosa negativa, poiché probabilmente non è nemmeno una buona cosa, è così com’è.

Cosa pensi della musica italiana?
Secondo me, la musica italiana può vantare un’invidiabile storia di cantautori, una cultura folkloristica nata negli anni ’70 e che molti artisti moderni mantengono viva fondendo questa tradizione con suoni moderni e reinventandola di volta in volta e penso che sia una buona cosa. D’altra parte, è triste vedere la nostra cultura schiavizzata da quella americana, troppo spesso possiamo vedere l’ultimo artista italiano più venduto come un abbozzo della loro controparte americana.

Raccontaci un po’ dei tuoi prossimi progetti musicali…
Sto lavorando al primo album di Valentina Kamenova, insieme a nuove uscite di diversi artisti come Roe Kapara, Terrel, Andy Dick e Margo Parker. In Italia, sto lavorando a stretto contatto con Jeremy Buxton, un produttore musicale con sede a Milano che attualmente lavora per Junior Cally e Biondo.

Sto anche preparando un live set per eseguire le tracce di cui ho fatto parte. Spesso, la musica elettronica è difficile da suonare dal vivo e gli artisti che sanno suonare molti strumenti devono ridursi in dj per poter suonare i loro brani. Sto cercando di preparare uno spettacolo più divertente, ispirandomi ad artisti come Louis The Child, Odesza e Mura Masa.

Social e Contatti

  • Instagram: https://www.instagram.com/iamnot_lorenzo/
  • Spotify: https://open.spotify.com/track/7ey5YS3x1Clz1YQQIvshrG?si=ekkz0mY2QeyX8FW1YfaQlA  “You – Valentina Kamenova”
  • Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=yFqQZ-hPaEA

Leave a Reply

venti − 9 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.