Mara: San Francisco | Video

San Francisco è il primo singolo estratto dal secondo album Ottobre’66 di Mara uscito per Brutture Moderne (Audioglobe/The Orchard)…

Ottobre’66 è il titolo del nuovo album della talentuosa Mara pubblicato da pochi mesi su Brutture Moderne (Audioglobe/The Orchard).
Il primo singolo e video estratto dal disco è San Francisco, un sentito omaggio al film “Non si uccidono così anche i cavalli?” di Sydney Pollack del 1969, tratto dall’omonimo romanzo del 1935 di Horace McCoy.
Si tratta della storia di una sfiancante maratona di ballo ambientata in California nel pieno della grande depressione. Un genere crudele di spettacolo in cui coppie di concorrenti (da semplici disoccupati ad aspiranti artisti) ballano quasi senza sosta per giorni interi, intrattenendo il pubblico, attratti, ancor prima che dal premio in denaro a chi resisterà di più, dalla sicurezza di avere vitto assicurato per qualche settimana.
Il ballo è vissuto fino allo stremo come vero e proprio sostentamento di anima e corpo, espressione di vitalità, riscatto e necessità, forza generatrice, antidoto alla solitudine della condizione umana. All’interno di questa gara, come in un loop, con il passare dei giorni, si insidiano la vita e lo scontro tra i personaggi in bilico tra amore, morte, dolore, stanchezza, ambizione e pazzia.
Trattandosi di un video di pochi minuti, la trama originale è stata rivisitata e si intreccia con le parole di San Francisco: un disegno su un foglio di carta si accorge di non aver mai visto il mondo e sogna di poter volare via finalmente libero esplorando tutta la città. Una voce gli dice di continuare ad aspettare il momento giusto per fare questo salto ma al tempo stesso lo incita a farlo “Do it”. “No one got it to you”, nessuno ti consegna ciò che desideri già impacchettato, un invito a uscire per prendersi ciò che si vuole davvero.
Le parole possono essere una sorta di amara morale della storia oppure una riflessione alla base di un sogno mai realizzato o, ancora, essere esse stesse la trama di un sogno o di un proposito dimenticato appena ci si alza.
Ambiguità che ritorna sul finale del video in cui da una parte ci sono delle vane illusioni di riscatto e di vittoria, dall’altra l’impossibilità dei personaggi di ottenere quanto immaginato, bloccati nell’inconcludenza dell’oggi.

Credits San Francisco

Il videoclip nasce da un’idea di Francesco Giampaoli, la regia è firmata dal regista e fotografo Pietro Bondi, la sceneggiatura è stata curata da Caterina Arniani.

Mara Luzietti: voce
Francesco Giampaoli: voce, basso, chitarra elettrica, Pianet T, chitarra elettrica 12 corde
Enrico Mao Bocchini: batteria, percussioni, trainwhistle

Info: https://www.facebook.com/maraluzmusic/?fref=ts

Tagged with: ,

Leave a Reply

16 − dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.