Marco Tanduo, cantautore

Marco Tanduo è un cantautore di Fiesso D’Artico (Ve) che ha pubblicato il disco di christian rock Soli Mai. Marco dedica la sua vita a portare in giro il suo messaggio di fede in musica. Ecco la sua storia e biografia…

«Quando avevo nove anni – ci racconta Marco Tanduo, cantautore – mio padre Vittorio, in seguito ad un incidente stradale, è ritornato alla casa del Padre, ma prima di lasciare me e la mia famiglia mi ha regalato una tastiera da cui è nata la mia passione per la musica. 

Ho passato la mia infanzia “smanettando” sulla tastiera ed ascoltando la musica dei Beatles con un registratore da quattro soldi e con il quale, assieme a mio fratello Roberto, mi divertivo a cantare e a ballare (quando non giocavamo a pallone).

A quattordici anni partecipai ad un campo scuola e m’innamorai della chitarra vedendo alcuni miei amici che ricoprivano il ruolo di animatori.

A sedici anni acquistai la mia prima chitarra, rigorosamente acustica, con l’obiettivo di entrare nel gruppo “animatori” della parrocchia .

Cominciai a “strimpellare” con la musica dei Gen Rosso e del cantautore canadese Neil Young e presto m’inserii nel gruppo animatori con il quale ho passato due anni meravigliosi, animando la Santa Eucarestia e vari incontri di preghiera.

A diciotto anni, affascinato dai desideri del mondo, mi allontanai dalla Chiesa – prosegue Marco Tanduo – con il desiderio di sfondare nel lavoro e di fare carriera. Furono anni tristi per la mia chitarra perché smisi di suonare, anche se la musica mi accompagnava sempre in auto mentre andavo da un cliente all’altro per svolgere il lavoro di rappresentante. Erano gli anni degli U2, dei Simple Minds, dei Pink Floyd, dei Toto ed il lavoro “girava molto bene”, tanto che feci carriera come venditore, diventando in breve tempo agente capoarea per l’azienda commerciale per cui lavoravo .

La mia vita cambiò: auto lussuosa, vestiti firmati, locali notturni e chi più ne ha più ne metta…, tutto bello si, certo, ma… ogni volta che tornavo a casa, spesso a notte inoltrata, sentivo… sentivo che mi mancava qualcosa.

No, non era la chitarra e nemmeno una donna, ma qualcosa di molto più grande; ciò che mi mancava era un incontro profondo con Gesù nel cuore – continua Marco – e questo incontro, per Sua grazia, avvenne nella primavera del 1991, in seguito ad una esperienza fatta nel convento dei “piccoli fratelli di Gesù” a Spello. Durante il soggiorno nel convento, accaddero alcune cose molto personali che cambiarono la visione della mia vita. Tornai a casa con la consapevolezza che Dio era dentro di me in ogni momento e questo perché l’avevo sperimentato. Come? Non saprei descrivere… sono cose che non si spiegano, si sentono!

Da allora mi riavvicinai alla Chiesa e riabbracciai anche la chitarra con una forza ed un entusiasmo nuovi perché, come per magia, accadde che iniziai a comporre delle canzoni.

La musica riprese così lo spazio che doveva avere nella mia vita e che aveva perso fino ad allora. Nel 1998, con altri due amici, formammo un trio e iniziammo a suonare nei pub della Riviera del Brenta.

Nel 1999 nacquero così i Jaima, un gruppo pop/rock cristiano, dove mi sono inserito come cantante, chitarrista e compositore delle canzoni che abbiamo pubblicato. Un’avventura meravigliosa, durata 12 anni, che ha dato frutto a molti concerti, viaggi, incontri, testimonianze e, soprattutto, ha permesso di dar vita a tre album di musica pop/rock cristiana. Nel 2000 il primo album Qualcosa che da!, nel 2008 Viaggio e nel 2009 Live in Jaima.

Con la Jaimaband sentii la necessità ed anche il desiderio di perfezionarmi e di crescere musicalmente e quindi, da gennaio 2001 ad aprile 2004, frequentai un corso di chitarra Jazz presso lo studio di Antonio Ongarello di Padova e dal 2003 al 2010 partecipai inoltre a numerosi seminari di “canto funzionale”.

Nel 2008, a seguito di un corso di chitarra liturgica presso il seminario di Padova, nacque in me il desiderio di musicare alcune parti della sacra Bibbia affinché, attraverso la musica, la Parola potesse essere percepita in maniera più profonda. Così, dopo un lavoro durato ben quattro anni, nel giugno 2013 con molta gioia ho presentato ABBANDONARSI, il mio primo disco da solista fatto di Chitarra, di Voce e di Parola di Dio, quella Parola che, gradatamente, ha trasformato la mia vita, tanto da passare dalla vendita a ciò che amo di più: LA MUSICA! La Musica per cantare la bellezza e l’onnipotenza del Nostro Creatore.

… E tra una canzone e l’altra – conclude il cantautore Marco Tanduo – il cammino è continuato fino ad oggi e mi ha portato a iniziare un progetto SOLI MAI che è diventato anche un Cd di Rock Cristiano che si trova ai nostri concerti, su Spotify e in tutti gli store digitali.»

Credits

Marco Tanduo 
Alessandra Bordin voce
Andrea Badan tastiere
Andrea Lion chitarre elettriche
Denis Centanin batteria
Simone Schiavon basso

Info: https://www.facebook.com/marcotanduofriends

Leave a Reply

uno × 1 =