Medison: Il tempo della sera suona in quattro | Video

I Medison tornano con il nuovo singolo Il tempo della sera suona in quattro, già disponibile in streaming on line e su youtube con il videoclip

Il tempo della sera suona in quattro è il nuovo singolo inedito della band MEDISON. Dopo il successo del cd Identico la band pugliese è tornata in studio con un sound più fresco e temi originali.

Il tempo della sera suona in quattro è un brano che racconta di una storia che si chiude senza un lieto fine, anche se a volte il lieto fine è proprio dietro la nuova porta che si apre.

Scopri di più sui Medison e su Francesco Cioffi

“Tu cerca di convincermi a restare, fosse l’ultima delle cose che ti restano da fare, ma tu leggevi senza mai capire, ed io capivo senza leggere” canta Francesco Cioffi nel nuovo singolo e racconta: «Quando abbraccio la mia chitarra di sera, seduto all’aperto a contemplare il cielo, mi viene in mente sempre un tempo in quattro quarti. Quello è per me il tempo della sera. Lento, tranquillo, stabile, noto, senza variabili e sorprese, perchè la sera serve a raccogliere le idee, a fare il punto della situazione, anche a valutare se è il caso o meno di concludere una storia, per darsi la possibilità di cominciarne un’altra.»

Testi impegnati, che incantano per la loro bellezza e la ricerca accurata delle parole che spronano alla riflessione, contraddistinguono la scrittura di Francesco Cioffi, voce della band e autore del brano che anticipa un nuovo lavoro discografico che vede la produzione musicale di Davide Pannozzo, descritto dalla critica come uno degli artisti di contemporary blues più interessanti della nuova generazione.

I Medison sono: Francesco Cioffi (autore dei brani, voce e chitarra acustica), Mario Ardito (basso), Fabrizio Loiodice (chitarre), Andrea Piangiolino (batteria e percussioni) e Antonio Piangiolino (tastiere e sintetizzatori).

Testo Il tempo della sera suona in quattro – Medison

Il tempo della sera suona in 4
La luna sta imparando l’orizzonte
È il tempo di fuggire dal rimpianto
Di non aver lasciato le mie impronte

Il tempo della sera non ha fretta
Ed io comincio a chiedermi sul serio
Se i miei pensieri dalla sigaretta
Raggiungeranno mai le stelle su nel cielo

Tu cerca di convincermi a restare
Fosse l’ultima delle cose
Che ti restano da fare
Ma tu leggevi senza mai capire
Ed io capivo senza leggere

E dunque ho dato un taglio alle mie code
Che da sempre mi impedivano
di chiudere le porte
Se certe cose le capisci al volo
Certi voli proprio non si sa
Come comprenderli

Il tempo della sera suona in 4
Guardandomi alle spalle ancora penso
Se è il tempo ad aggiustare tutto quanto
Che cosa serve ad aggiustare il tempo

Se l’acqua va scorrendo sotto il ponte
Non credo ci sia nulla da stupirsi
Se allora anche trovandoci di fronte
Noi non avremo più, mai più niente da dirci

Tu cerca di convincermi a restare
Fosse l’ultima delle cose
Che ti restano da fare
Ma tu leggevi senza mai capire
Ed io capivo senza leggere

E dunque ho dato un taglio alle mie code
Che da sempre mi impedivano
di chiudere le porte
Se certe cose le capisci al volo
Certi voli proprio non si sa
Come comprenderli

Come comprenderli
Come comprenderli
Come comprenderli

Il tempo della sera suona in 4
Guardandomi alle spalle ancora penso
Se è il tempo ad aggiustare tutto quanto
Che cosa serve ad aggiustare il tempo

Info: https://www.facebook.com/medisonband/

Leave a Reply

17 − 13 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.