Ness: Tortuga [Acoustic Version] feat. Alessia Mazzariello & Fabio Laino | Video

Tortuga [Acoustic Version] è il nuovo video di NESS, la rielaborazione del suo brano Tortuga in versione acustica in attesa dell’uscita del nuovo album…

In attesa della pubblicazione del nuovo album ufficiale di inediti Prince Café, previsto per la prima metà del 2018, Ness ci regala un sorprendente adattamento acustico di Tortuga. In questa nuova veste il brano lanciato lo scorso giugno dal rapper di Sala Consilina, vive una dimensione nuova, più intima e raccolta, quasi magica.

Una sera tra amici, qualche parola, viaggi della mente, una chitarra.

Ingredienti semplici ma efficaci per costruire un’emozione. Fissata in video da Edmondo Ragone per Eikona Lab, Tortuga [Acoustic Version] è stato girato presso Spazio D’Art, quartier generale del rapper salernitano. La narrazione e il flow di Ness, la voce della rivelazione Alessia Mazzariello e la chitarra del giovane Fabio Laino, che ha arrangiato e “colorato” questa bonus track, tornano a ricordarci che Tortuga è l’isola ideale per la mente, per il cuore e per l’anima.

Roberto “Jahcool” Di Stefano ha infine conferito al brano la giusta intensità con il suo tocco magico, mixando e masterizzando il brano presso gli studi Trumen Company di Torino. Emozioni, musica e parole firmate Ness.

Testo Tortuga – Ness 

Ci sono
giorni in cui mi sveglio un po’ in anticipo
e mi sento libero
che l’impossibile non lo considero
altri giorni
tipo quando
sei in ritardo appena sveglio
e ti eri ripromesso
di svegliarti presto
ok
poi parte un altro giorno
poi parte un altra traccia
cammino lento e la mia strada imbarca acqua
io contento non credo alla vostra farsa
continuo la mia marcia
sguardo fiero
testa alta
anche col sole in faccia
faccia quel che vuole signore
masse guidate dalle parole
affogano nell’ossessione
all’orizzonte non c’è amore
né terra
né conclusione
verso sale sulla vita
o non ne sento il sapore
le cose cambiano presto
e sempre più spesso cadi
saltello sulla passerella e fisso i pescecani
pronto all’impatto sogno confini lontani
come un iceberg
sulla rotta di una flotta di Titanic

Io sarò una vela in questo mare aperto
mare aperto
mare aperto
prenderò il timone della nave la proteggerò
senza cambiare la rotta che ho scelto
sarò una vela in questo mare aperto
la mia nave la proteggerò

capitano è già troppo tempo che navighiamo
il nostromo si chiede
dov’è che andiamo?
l’equipaggio beve
rum chiaro
e sparla chiaramente
quasi ammutinato
vedo solo un mozzo in mezzo a tanti
credersi un corsaro
il mondo è avaro
c’è troppa luce e nessun faro
cambi faccia con la mappa del tesoro in mano
m’appare chiara la storia se la rivivo
arrivare in stiva all’Havana
partendo da clandestino
e smollo il porto
prendo il largo verso sud
rendo grazie alla mia ciurma
che canta alle spalle
orsù signori alle barche!
la tua tv che spara cannonate a salve
io non so che farne
cerco libertà e correnti calde
sotto palme
senza banche
e spiagge bianche
vivo ogni giorno la mia vita a fondo
senza galleggiante
fisso la luna dalla prua
mi porterà fortuna
presto o tardi
mare o terra
arriverò a Tortuga

io sarò una vela in questo mare aperto
a mia nave la proteggerò
la proteggerò, la proteggerò
io la proteggerò
io sarò una vela in questo mare aperto
mare aperto
mare aperto
prenderò il timone della nave la proteggerò
senza cambiare la rotta che ho scelto

Info: https://www.facebook.com/Uanmness/

Tagged with: , , ,

Leave a Reply

otto − 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.