NOBRAINO concerti, tour, musica… e un cuore di piadina

NOBRAINO, nati negli anni ’90, festeggiano il ventennale ancora affamati di vita e di concerti. Blog della Musica li ha intervistati per voi…

Nobraino, italiani quasi per caso, alla conquista della Thailandia a suon di buona musica e piadine…

Partiamo dal nome NOBRAINO, due negazioni comportano una affermazione?
Si, due negazioni comportano un’affermazione ma Nobraino non contiene due negazioni, bensì una negazione e un’italianizzazione. Come la mettiamo?

La vostra città di riferimento è Riccione cosa vi ha dato e cosa voi avete dato a questa città?
Riccione ci ha dato molto, inevitabilmente, come tutti i posti in cui si nasce. Nel bene o nel male. Una capitale della musica da intrattenimento, sicuramente ha cambiato il modo di percepire il nostro lavoro, dove il gesto artistico non dev’essere sempre fine all’opera ma anche a chi ne usufruisce.. insomma ci ha reso un po’ più puttane.

Vi sentite particolarmente romagnoli?
Abbiamo un cuore di piadina e se ci graffi esce del Sangiovese. Ci piace la nostra identità “territoriale”, perché la portiamo in giro per l’italia, la mescoliamo e la confrontiamo con tutte le altre, piccoli baratti.

Il vostro disco d’esordio è del 2006, sono quindi 10 anni che siete inserite nell’industria discografica. Avete notato particolari cambiamenti, involuzioni… evoluzioni…?
Quello che succede nella discografia è sotto gli occhi di tutti e non serve essere grandi analisti ne credo sia utile annoiarvi partecipando al dibattito. Molto più utile è continuare a produrre musica “a testa bassa” cercando di dare qualcosa che abbia un senso oltre la monetizzazione. Poi bisogna ricordarsi di pagare l’affitto, ma senza distrarsi troppo.

Vi siete fatti notare ad una edizione del concerto del 1° Maggio con una particolare esibizione: frutto dell’improvvisazione o studiata strategia?
Improvvisare in una manifestazione del genere è impossibile. In tutti gli altri concerti si cerca di lasciare un posto al caso, perché succeda qualcosa, anche piccoli incidenti. Come dico sempre.. Quando sei su un palco “tutto fa Broadway”.

Ora vi presentate più colorati e scanzonati (abbiamo sentito il vostro ultimo singolo Vertigini e ci è piaciuto molto), anche in questa occasione c’è premeditazione o è frutto del caso?
Tutto è frutto del caso, gli astri, l’universo, la vita.. Perché non dovrebbero esserlo i nostri costumi?

I vostri progetti paralleli influiscono sull’attività e la continuità dei NOBRAINO?
Bhè inevitabilmente, ci tolgono tempo ed energia. Però ci restituiscono un’esperienza esterna, suoniamo insieme da sempre e non abbiamo mai fatto esperienze fuori dal gruppo. Credo sia fonte di ispirazione.

Fra 10 anni cosa ci proporrete?
Un chiosco di piadine in Tahilandia, fra venti invece vinciamo Sanremo.

Grazie NOBRAINO per il tempo che ci avete dedicato!
Fanno 75€ grazie.

Leave a Reply

4 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.