Pasta Nera Jazz Project: Pasta Nera

I Pasta Nera Jazz Project pubblicano il disco Pasta Nera, un viaggio temporale tra etnia e cultura in dieci brani musicali

campagna con grano maturo, dorato, e una torre abbandonata

Pasta Nera Jazz Project

Pasta Nera Jazz Project: un nome e un progetto, dove s’incontrano musica e tradizione.

Un viaggio temporale tra etnia e cultura, dove la storia viene narrata tramite la contaminazione di suoni.

Un sound che nasce dal passato per farlo rivivere, una musica che ha da raccontare di luoghi e sapori antichi, un suono che attraversa e avvicina confini di popoli e terre lontane.

Il progetto sonoro Pasta Nera Project viene creato nel 2018 dalle composizioni del pianista Felice Lionetti e del sassofonista e clarinettista Antonio Pizzarelli, ai quali poi si aggiungono il contrabbassista Giovanni Mastrangelo e il batterista Antonio Cicoria.

La scelta del nome Pasta Nera nasce dalla citazione del titolo di una canzone di Matteo Salvatore, compositore e cantante di musica popolare, oltre che interprete di canti tradizionali del Gargano degli anni 50. Nello specifico, il quartetto ha spiegato che questo nome sta a significare ‘impasto’, ovvero la fusione di stili musicali etnici, mentre ‘nera’ si riferisce alla black music.

Pasta Nera, è anche il titolo del primo lavoro del gruppo, uscito ad aprile 2019 e totalmente autoprodotto. L’album contiene 10 tracce ed è già vincitore, con il brano Sulla Torre, del Premio Internazionale “Suoniamo il Sac Porta d’Oriente”.

Questo è un disco nel quale la melodia della tradizione popolare incontra l’eleganza del jazz; lo possiamo sentire ad esempio nella composizione Mamma Mamme dove vige il ritmo della tarantella, mentre nel brano Carpinese vi è un ritmo di tammurriata.

L’uso degli strumenti è quindi calibrato e studiato per ricreare le ricercate atmosfere tipiche della tradizione, mediante il loro originale tocco: come il clarinetto basso con il suo timbro scuro è usato per simulare la voce dei contadini e cantori che cantavano quei brani popolari, richiami di voci lontane; oppure il sax soprano, che rimanda alle sonorità saracene, inserito nel mood dei brani Pasta Nera e La vadda di Stignano; insomma un quartetto musicale che fa da ponte tra passato e presente, fino a risucchiare il tutto in un impasto omogeneo e appassionato.

Una connessione tra il jazz e la tradizione popolare del Gargano e dei Monti Dauni, una mescolanza avvenuta storicamente tra la cultura arabo-saracena, napoletana e quella tipica e originale del territorio.

All’interno dell’album troviamo delle composizioni scritte da loro, pensandole come a “delle melodie che fotografassero da vicino emozioni e sensazioni dei luoghi, una sorta di foto-musica”, altre che sono di Matteo Salvatore ed alcune tratte dalla tradizione.

Pasta Nera Jazz Project vuole essere perciò un tributo alla tradizione popolare di Capitanata, un distretto storico-culturale della Puglia e ha costituito un’unità amministrativa, rivitalizzata e riarrangiata in chiave jazz su di un coro che fa da portale tra mondi e colori diversi.

a cura di Alice Bellin

Ascolta il disco su Spotify

Info: https://www.facebook.com/pastanerajazzproject/

Tagged with: ,

Leave a Reply

quattro × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.