Orchestra Improvvisata: l’improvvisazione musicale con il “Ritmo con Segni” di Santiago Vazquez

L’Orchestra Improvvisata è un progetto che propone l’improvvisazione musicale attraverso il metodo Ritmo con Segni creato dal musicista Santiago Vazquez. Gonzalo Teijeiro ce lo spiega in questo articolo

Ritmo con Segni è un metodo di improvvisazione musicale che ti consente di creare musica in tempo reale, fatta al 100% dal vivo. Cioè, ritmo, melodia e armonia sono improvvisati per creare un’opera musicale unica e irripetibile. I suoi pilastri fondamentali sono: il desiderio di fare musica, che si fa insieme ad altri, dare il massimo possibile, e la consapevolezza di essere presenti.

Vediamo in questo articolo come è nato e come si sviluppa il Ritmo con Segni:

  1. Il metodo Ritmo con Segni come struttura per l’improvvisazione
  2. Il creatore: Santiago Vazquez
  3. Il metodo Ritmo con Segni
  4. Giocatori
  5. Il Gioco
  6. Improvvisazione
  7. La Casa degli Studi
  8. Ritmo con Segni nel mondo
  9. Ritmo con Segni in Italia
  10. Play The Ritmo, la jam con segni
  11. Orchestra Improvvisata, Centro di ricerca
Santiago Vazquez, il creatore del metodo Ritmo con segni

Santiago Vazquez, il creatore del metodo Ritmo con segni

Il metodo Ritmo con Segni come struttura per l’improvvisazione

Grazie al suo design inclusivo, si può improvvisare con tutte le persone, ad esempio: persone senza conoscenza musicale, persone con qualche conoscenza musicale, musicisti dilettanti o musicisti professionisti. Inoltre, la completezza delle sue azioni consente alle persone con diversi “livelli” di conoscenza musicale di partecipare alla stessa improvvisazione. In questo modo, l’improvvisazione è aperta a tutti. Un altro aspetto completo è che puoi partecipare con qualsiasi strumento e non esistono limi di genere musicali.

Questo singolare modo di comporre musica è stato creato da Santiago Vazquez ed è sviluppato da molti gruppi in tutto il mondo.

Il creatore: Santiago Vazquez

Santiago Vazquez è compositore, multistrumentista, produttore, educatore e generatore di progetti culturali.

Clicca e leggi la storia di Santiago Vazquez

Ha ideato, fondato e diretto tra gli altri i gruppi La Bomba de Tiempo, Puente Celeste, La Grande, PAN, Collettivo Eterofónico, Será una noche e il gruppo Mbiras di Buenos Aires.

Il metodo Ritmo con Segni

Il punto di partenza per la creazione di questa forma di improvvisazione è l’influenza che Santiago Vazquez ha assorbito da Lawrence “Butch” Morris con il suo metodo “Conduction”. Questo metodo è rivolto al free jazz. Il concetto che ha scatenato la creatività di Vazquez era la possibilità di creare un linguaggio sofisticato, nel senso di combinare alcuni segni con altri per generare nuovi significati per coordinare un gruppo di persone che improvvisano.

Il metodo di improvvisazione musicale Ritmo con segni è sviluppato attraverso un linguaggio di gesti fatti con le mani e il corpo. Al momento ci sono circa 150 segni in costante evoluzione e sviluppo presso il CERPS (Centro di Studio di Ritmo e Percussioni con Segni) creato e diretto da Santiago Vazquez a Buenos Aires, Argentina. CERPS è un centro educativo in cui persone di tutto il mondo partecipano per incontrare, studiare e sviluppare il metodo.

Giocatori

Un suonatore di Triangolo, percussioni con segni

Un suonatore di Triangolo, percussioni con segni

Per realizzare un’improvvisazione attraverso Ritmo con segni, è prevista la presenza di un direttore che organizza il flusso di improvvisazione, generando reazioni nei musicisti e prendendo le idee da loro offerte per creare la composizione. Il direttore occupa un ruolo organizzativo e la sua funzione principale è il coordinamento delle idee che nascono, non quello di imporre le sue (ricordiamo che uno dei pilastri è: “che viene svolto insieme ad altri”).

I musicisti sono posizionati in modo tale che il contatto visivo con il direttore sia privo di ostacoli. Si suggerisce il semicerchio, anche con differenze di altezza diverse in base al numero di musicisti partecipanti. La disposizione dei partecipanti deve essere basata sugli strumenti che ognuno esegue, ovvero in sezioni (voci, percussioni, fiati, archi, ecc.) E all’interno di ciascuna sezione sono organizzati per timbro e accordatura, ad esempio le voci sono si divideranno in baritono, tenore, soprano, ecc. Se due persone usano lo stesso strumento, si troveranno insieme. Questa organizzazione spaziale consente al direttore di formare una mappa dell’orchestra con cui verrà eseguita l’improvvisazione.

Il Gioco

Con l’orchestra in posizione siamo pronti per iniziare a improvvisare, ma come si fa?

Orchestra Improvvisata

Orchestra Improvvisata

Il modo migliore per comprendere il metodo è concepirlo come un gioco, quindi inizieremo dalle regole che strutturano il quadro in cui è supportata la libertà dall’improvvisazione. Per prima cosa ricordiamo i pilastri, poiché le regole ne derivano: desiderio di fare musica, è fatto insieme ad altri, per dare il massimo possibile e il requisito di essere presenti. Iniziamo dicendo che ci sono tre regole fondamentali:

1) Guarda sempre chi stai dirigendo.

È necessario fissare l’attenzione nella direzione perché i cambiamenti (qualunque essi siano) possono verificarsi improvvisamente.

2) I segni vengono prima mostrati e dopo eseguiti.

Il direttore indica chi dovrebbe rispondere, dunque mostra il gesto e poi dà il segnale di esecuzione. Alcuni segni sono fatti in tempo reale (dinamico, uscita), questo sarà anticipato con il segno di “totale attenzione al direttore”.

3) Tutti i contributi devono essere una ripetizione.

Ecco la base concettuale del metodo. L’improvvisazione può essere organizzata sulla base del fatto che le cellule ritmiche devono essere ripetute, in questo modo il direttore può combinare i diversi contributi, inclusi, attraverso i segni, richiedere modifiche, sviluppi, ecc. Di quelle cellule ripetute. L’idea che Santiago Vazquez definisce “ciclicità” è il ritmo come una ripetizione di cicli, in cui il corpo può stabilire una relazione con quel ciclo.

Partendo, quindi, dai pilastri e utilizzando le “regole del gioco” come struttura, l’improvvisazione può iniziare. Ogni musicista è completamente libero di contribuire a ciò che considera per arricchire la composizione.

Improvvisazione

A livello musicale, nell’improvvisazione non c’è errore, solo l’immenso piacere di fare ciò che vuoi. Quando tutti coloro che partecipano attivamente all’improvvisazione riescono a coordinare insieme tutte le idee, la bellezza e il potere di quella produzione sonora (qualunque essa sia) sarà per loro (proprio allora, qui e ora) la musica più bella del mondo .

Tutto ciò produce all’interno di ciascuno dei partecipanti, il gruppo in generale (anche per il direttore) e il pubblico presente un’immensa consapevolezza di “essere presenti”, di connessione con se stessi e con gli altri, con la musica e con il pubblico La coscienza che dimostra che sono le emozioni a guidare tutto ciò che sta accadendo.

A livello emotivo, questo metodo consente a ciascun musicista di mettere in gioco l’intera gamma di sentimenti. A ciascuno dei partecipanti viene chiesto di dare un contributo all’improvvisazione con la propria creazione, che emergerà come risultato di: l’incontro degli stimoli che ricevono dal mondo esterno + l’universo delle sensazioni interne che lo attraversano in quel momento. Questi contributi individuali si uniscono e iniziano a creare e sviluppare, tutti insieme collettivamente, dando vita alla composizione in tempo reale attraverso il metodo Ritmo con segni. Questo genera un evento (musicale) legato al contesto in cui accade e alle persone che lo portano avanti che fornirà feedback e modificare la musica improvvisata e il sentimento comune dei presenti.

La casa degli studi CERPS (Centro di Studio di Ritmo e Percussione con Segni)

Il CERPS (Centro di Studio di Ritmo e Percussione con Segni) ha lo scopo di fungere da spazio di riferimento mondiale nello sviluppo, nell’insegnamento e nella ricerca del linguaggio del ritmo e delle percussioni con segni a tutti i livelli, dall’amateur al professionale.

CERPS offre seminari di Percussion Ensemble con segni di vari livelli, corsi di formazione per registi, insegnanti e compositori, seminari in stile tradizionale di percussioni di varie culture e conduce corsi e seminari intensivi, promuovendo l’applicazione della lingua e dei suoi strumenti non solo per la creazione musicale a livello professionale e amatoriale, ma anche per lo sviluppo di altre discipline dell’attività umana, come l’insegnamento, la terapia o il coordinamento di gruppi e squadre.

I corsi CERPS possono essere presi come seminari, ma sono anche organizzati come un programma di formazione completo.

CERPS rilascia un certificato di insegnante di ritmo con segni di livello iniziale quando lo studente ha completato il suo livello intermedio di addestramento e il certificato di insegnante di ritmo con segni di livello intermedio al completamento del programma di livello avanzato.

Ritmo con segni nel mondo

L’ARPS (Associazione di ritmo e percussioni con segni) serve la crescente comunità di musicisti, insegnanti, ricercatori, terapisti e dilettanti che usano il linguaggio del ritmo con i segni in tutto il mondo.

Funziona come uno spazio per l’interazione istituzionale, con l’obiettivo di promuovere l’uso del ritmo e delle percussioni con i segni nei vari campi dell’esperienza umana promuovendo i suoi migliori usi e il suo sviluppo ottimale, generando codici condivisi che garantiscano l’espansione del linguaggio Ritmo con Segni è di beneficio al maggior numero di persone e al più alto livello possibile, contribuendo così positivamente all’esperienza del ritmo come percorso di conoscenza di sé, nell’individuo e come modalità di interazione virtuosa, nel collettivo.

ARPS è un’associazione internazionale senza scopo di lucro con sede a Buenos Aires.

Sul suo sito web www.arps.com.ar è presente un elenco degli oltre 100 gruppi distribuiti nei 25 paesi del mondo.

Ritmo con Segni in Italia

L’arrivo del metodo in Italia (più precisamente a Roma) è avvenuto nel 2015 con la creazione del gruppo Quilombo. Gruppo che continua a eseguire concerti oggi ed è dedicato esclusivamente, alle percussioni. I suoi spettacoli sono carichi di ritmi e improvvisazioni che hanno lo scopo di far ballare tutti.

Play The Ritmo, la jam con segni

Nel 2017 è stato creato Play The Rtimo, che nasce in risposta alla necessità di pubblicizzare il metodo. Il formato scelto (e supportato oggi) è il formato “Jam Session” guidato con segni. La Jam Session è uno spazio in cui chiunque può partecipare, il palco è aperto a tutti. La cosa originale di Play The Ritmo è che prima della Jam Session si tiene un laboratorio sul metodo di improvvisazione di Vazquez in modo che le persone che desiderano partecipare imparino i segni che organizzeranno la musica. La novità di questo gruppo è che ha esteso l’uso a tutti gli strumenti, generando l’interesse e la partecipazione di numerosi musicisti della scena romana. Il laboratorio è gratuito e il suo obiettivo principale è diffondere il metodo. La notte è strutturata in:

Un inizio di laboratorio, in cui ogni persona partecipa con lo strumento che utilizzerà nella Jam Session.

Un intermedio in cui ogni partecipante si iscrive a una lavagna con nome e strumento.

Uno sviluppo con la stessa Jam Session. Dove ogni direttore sceglie la formazione di strumenti dal tabellone con cui improvviserà. Ogni “band” ha un massimo di 20 minuti per creare la musica che desidera e poi cambiare i musicisti e la direzione. Questo processo viene ripetuto circa 5 o 6 volte a seconda della quantità di musicisti, pubblico e umore.

Una finale con dj set che propone di chiudere la serata alla pura danza.

Questo formato ha avuto un grande impatto sul pubblico e lo ha portato a partecipare con la Jam Session in vari festival e persino a Milano e Padova.

All’inizio, Play The Ritmo veniva eseguito in bar, sale e festival su base mensile. Dopo diversi mesi consecutivi, molti musicisti hanno iniziato a chiedere più regolarità, più segni, più sviluppo quando hanno visto il potenziale del metodo. Attualmente, il gruppo formato da oltre 15 musicisti provenienti da vari settori della scena musicale italiana, esegue una Jam Session settimanale in una sala prove per studiare, sviluppare ed evolvere nell’improvvisazione.

Orchestra Improvvisata, centro di ricerca

Laboratorio di Orchestra Improvvisata

Laboratorio di Orchestra Improvvisata

Il 3 marzo 2019, l’Orchestra Improvvisata è stata creata in risposta all’enorme richiesta di persone che vogliono imparare il metodo in modo sistematico e sostenuto. L’idea materna era quella di fondare la prima scuola di Ritmo con Segni in Italia, dove si svolgono diversi corsi di formazione basati sul metodo di Santiago Vazquez. Per questo, è stato necessario creare un programma di studio che fornisca un percorso teorico pratico attraverso le basi del metodo. Poco dopo la sua creazione, la Orchestra Improvvisata apre 3 corsi (Pigneto, Tiburtina e Prati) a cui partecipano più di 50 persone.

Oggi, pochi mesi dopo la sua gestazione, la Orchestra Improvvisata è diventata un progetto musicale e sociale che utilizza l’improvvisazione musicale come canale di espressione a livello artistico, personale, relazionale e, soprattutto, emotivo.

I programmi

All’interno del progetto Orchestra Improvvisata ci sono diversi programmi:

  • Scuola per Ritmo con Segni: in continuità con la sua idea di base, ci sono diversi corsi di formazione divisi per livelli.
  • Concerti didattici: esperienze di primo contatto con il metodo che consente, attraverso una reale partecipazione attiva, la diffusione del metodo.
  • Orchestra Improvvisata Centro Diurno Montesanto 71 ASL Roma 1: All’interno della comunità psichiatrica, viene sviluppato il seminario per i pazienti, che genera attraverso il processo di creazione musicale un miglioramento del benessere delle persone.
  • Programma radiofonico “Orchestra Improvvisata” a Radiouèb: trasmissione mensile di un programma finalizzato all’improvvisazione musicale con artisti ospiti.
  • InsieMMe, musica e movimento: esperienza che unisce due metodi di improvvisazione “Ritmo con Segni” e “Fiume Aperto”. Uno per la musica e uno per la danza. L’uno genera l’altro in un circolo virtuoso che è potenziato all’infinito.
  • Orchestra Improvvisata SPARTACO, all’interno del Centro Sociale autogestito se svolge il laboratorio d`improvvisazione musicale
  • Riunioni di formazione: per musicoterapisti, insegnanti, psicologi, ecc. che sono interessati ad applicare il metodo di improvvisazione.
  • Seminario di direzione: orientato alle persone che vogliono imparare a dirigere attraverso il metodo, con l’obiettivo di moltiplicare e viralizzare la creazione di gruppi.
  • Workshop per bambini: esperienza giocosa che mette in evidenza le capacità di improvvisazione dei bambini, attraverso strumenti a percussione, canzoni e giochi.

A cura di Gonzalo Teijeiro

Info: https://www.facebook.com/orchestraimprovvisata/

Leave a Reply

4 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.