INTERVISTA | Sergio Tentella: conoscenza prima ancora che ricerca

Ascoltiamo da vicino il primo Ep ufficiale di Sergio Tentella, anima del duo Elephantides ma anche musicista di lungo corso che oggi, alle sue batterie, associa un corredo digitale che spazia nelle vedute del tempo, tra suoni di un’elettronica classica a sperimentazioni raffinate e prive di egocentrica presunzione.

Un lavoro personale quello di Sergio Tentella, il primo forse di un lungo percorso che più che di ricerca si nutre di conoscenza. Si intitola Space Pocket Shapes ed è la chiusa ottimale per celebrare un singolo come Pocket Shapes che lo ha anticipato nei mesi precedenti e il cui video lo trovate in fondo a questa intervista. Due chiacchiere di futuro e di elettronica con Sergio Tentella.

Si apre un percorso personale… così, pensando agli Elephantides, dove trova la “differenza” ed il motivo di “staccarsi” da un duo così ampiamente codificato?
Elephantides è un progetto basato sulla sperimentazione, poliritmie e strutture che si evolvono costantemente. “Space Pocket Shapes” a differenza è un ep molto lineare, pieno di melodia e di ritmiche costanti. Non c’è un motivo da questo “staccarsi”, una semplice esigenza di sperimentare e trovare strade possibili. Penso che nel percorso di ogni artista/musicista così come in altri ambiti, la possibilità di variare aumenta la conoscenza e di riflesso tutto ciò a cui ci si approccia acquista di valore.

Cercando di fare una traduzione di questo titolo: “Forme di tasche spaziali”. Cosa significa nello specifico?
Essendo per me un esordio come solista, questo lavoro rappresenta ricerca ed esplorazione. Lo spazio inesplorato rappresenta l’ignoto, questo EP allo stesso modo ha rappresentato un viaggio in cerca di soluzioni e strade percorribili. Chiaramente è un titolo metaforico, ho cercato di rendere questo concetto con i video, le sagome tascabili di Pocket Shapes e la rivisitazione di Neil Armstrong nel video di “Moon Dancing” sono state un modo per comunicare questo messaggio all’ascoltatore.

Evoluzione e ricerca… questo lungo viaggio che non ha mai fine in che modo ti rapisce? Vedi un obiettivo all’orizzonte
Indubbiamente la conoscenza. Qualche anno fa questo EP sarebbe stato impensabile, il mio unico mezzo per esprimermi in musica era la batteria. Oggi grazie allo studio personale e alle tante collaborazioni, mi sento più completo e l’obiettivo è quello di esserlo sempre di più…

Questo breve Ep di 3 brani, che tipo di evoluzione rappresenta per il tuo mondo artistico?
Giudicare un lavoro personale per il mondo artistico che mi circonda è molto difficile… Rispetto ai miei ascolti in ambito di musica elettronica ho cercato di dare più spazio alla batteria acustica suonata senza ricorrere a sample o suoni classici di drum machine.

Aperta questa porta? Cosa accade a breve?
Lavorerò sicuramente ad un altro disco con l’intento di aprire nuovi orizzonti anche nei live.

Guarda il video Pocket Shapes di Sergio Tentella

Social e Contatti

  • Facebook: https://www.facebook.com/serdrum.s.t/
  • Instagram: https://www.instagram.com/sergiotentella_set/

Tagged with: , ,

Leave a Reply

20 − otto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.