INTERVISTA | Gli Shadows You Don’t Know About e l’Ep di debutto

Gli Shadows You Don’t Know About sono una band che combina il suono cupo e oscuro del deathcore con l’intensità della musica alternative. Hanno recentemente debuttato con un disco dal titolo When The Morning Star Fell, creando musica che alza il livello e sfida i soliti limiti e cliché di genere. Ecco la nostra intervista

Ciao e benvenuto agli Shadows You Don’t Know About su Blog della Musica. In poche righe potete presentarvi ai nostri lettori?
Ciao a tutti, siamo gli Shadows You Don’t Know About, siamo una band deathcore / post-hardcore di Bethlehem Pennsylvania.

Influenze e contaminazioni: gli Shadows You Don’t Know About ascoltano molto la musica di…?
Adoriamo Chiodos, penso che il loro primo album sia stato il loro migliore in assoluto. Ma anche molta musica diversa, rap, folk, pop, cantautore.

Quale è il vostro ultimo album? Ce ne potete parlare?
When The Morning Star Fell è il nostro album di debutto ed è stato solo per amore verso il nostro lavoro che siamo riusciti a finirlo durante la pandemia.

Come vi approcciate alla musica?
Di solito registro prima la musica per la maggior parte delle mie canzoni e lascio che la musica e il ritmo mi aiutino a capire che tipo di voce voglio per questo.

Parlateci del sound di When The Morning Star Fell e di che tipo di sonorità cercate nelle vostre canzoni…
Cerco un suono molto pesante e molto schietto, ho scritto la maggior parte delle canzoni prima dell’attuale pandemia, ma mi sono preso del tempo per assicurarmi che fosse quello che volevo trasmettere. Musicalmente cerco sempre di suonare e registrare cose che generalmente mi piacciono, chitarre pesanti, voci urlate e testi lunatici.

E dei vostri testi invece? Di cosa parlano e a chi sono rivolti? C’è un messaggio che volete comunicare?
Dal punto di vista dei testi aggiungo dolore personale come in A quick death is a merry death, o Forlorn and Torn dove prendo i miei sentimenti e li uso in modo catartico per affrontare i problemi. Inoltre mi piace soprattutto creare una storia in una canzone come Becoming Beholder o The Black Hand, dove attingo da ciò che mi piace. Becoming Beholder è basata sull’idea di essere uno spettatore del gioco di ruolo da tavolo “Dungeons and Dragons”, e The Black Hand riguarda il gioco della serie di missioni della confraternita oscura in “Elder scrolls V Skyrim”.

logo degli Shadows You Don't Know About

Il logo della band Shadows You Don’t Know About

Com’è la scena musicale nel vostro paese, in Pennsylvania?
Non è il massimo al momento, ma conosco molte band che stanno lavorando duramente come me e che spero riusciranno a far prosperare la scena un po’ di più, specialmente quando potremo tornare ad esibirci di nuovo dal vivo.

Cosa pensate della musica italiana?
Penso che sia bella come la lingua italiana, mia madre quando ero piccola interpretava Andrea Bocelli e mi ha fatto apprezzare il potere della musica lirica e dei cantanti che la eseguono.

Prima di salutarci, vi vogliamo chiedere quali sono i vostri progetti musicali per i prossimi mesi…
Gli Shadows You Don’t Know About stanno lavorando a una piccola cover che verrà rilasciata alla fine di dicembre e ai video musicali di alcune canzoni dell’album. Spero anche di registrare un’esibizione dal vivo dell’intero album e di pubblicarlo come nostra prima esibizione dal vivo come band.

Grazie Shadows You Don’t Know About di essere stati con Blog della Musica. A presto.

Ascolta il disco When The Morning Star Fell degli Shadows You Don’t Know About su Spotify

Social e Contatti

  • Instagram: https://www.instagram.com/sydkaband/
  • Facebook: https://www.facebook.com/SYDKAband
  • Spotify: https://open.spotify.com/artist/3tSy2bJf8AJsxvmkzpo5fk?si=8ELGjhguSHuvMzwcQ5ctwQ

Tagged with: ,

Leave a Reply

uno × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.