INTERVISTA | Il punk n roll dei The Boylers. Dal Delta con amore

Dalla nebbia del Delta del Po arrivano i The Boylers, una band con base ad Adria che è in uscita con il disco Tropic Of Dancer da cui hanno estratto il singolo Western People. Li abbiamo intervistati…

The Boylers: ciao e benvenuti su Blog della Musica. In poche righe vi presentate ai nostri lettori?
Siamo una boy band proveniente da Adria provincia di Rovigo. Ci troviamo proprio nel bel mezzo delle paludi della bassa e come dice Nichil, il nostro chitarrista, se suoni lì è davvero dura: quello è il delta del Po, mica del Mississippi…

The Boylers, ci raccontate per iniziare la genesi del vostro nome?
Vi confidiamo un segreto: il nome lo abbiamo rubato al nostro “caro amico” Matteo FDT Big Head. Siamo sicuri che non appena diventeremo famosi ci pianterà su una bella causa… Per adesso ce la caviamo offrendogli da bere ai nostri concerti.

Contaminazioni e ispirazioni. The Boylers ascoltano molto la musica di….?
Non vi facciamo nomi altrimenti la lista sarebbe infinita. Siamo cinque loschi individui con gusti musicali molto diversi tra loro, che ascoltano un’infinità di cose. Semplicemente possiamo dire di essere un bel frullatone di garage, con giuste dosi di punk 77 e alternative 90, ma tre nomi che mettono d’accordo tutti e 5 ve li facciamo lo stesso: Ramones, The Hives e Queen of the Stone Age.

P.S. Josh, se stai leggendo questa intervista, noi siamo pronti a fare un salto a Rancho della Luna per registrare il nostro nuovo disco!

Essere emergenti ora. Essere una band ora. Che Italia discografica vi trovate davanti?
Esiste una discografia in italia? Ormai o sei miliardario, oppure fai di necessità e virtù e cerchi di fare le cose nel miglior modo possibile, autoproducendoti e cercando di farti aiutare da quelle poche persone preparate e fidate, che non vogliono solo lucrare e credono in te. Un esempio è Marta Scaccabarozzi, che in quest’ultimo periodo curando la promozione del nostro primo disco Tropic Of Dancer.

Ci raccontate l’esperienza con Marky Ramone dei Ramones?
È passato qualche anno ormai (parliamo del 2012). Lui è stato molto disponibile: ci siamo incrociati in camerino e autografandoci dischi e magliette. Noi in cambio gli abbiamo regalato la t-shirt dei The Boylers e siamo abbastanza sicuri che l’abbia utilizzata come pigiama!

Parlateci del vostro singolo Western People
Che dire… quando si attacca a suonare questo pezzo dal vivo la situazione degenera e si scatena il delirio: volano sedie e cadono spettatori. Ancora non è chiaro cosa ci sia di western in quel riff, ma di sicuro se circolassero rivoltelle da queste parti, tutti sparerebbero in aria!

Il singolo che avete pubblicato è un brano isolato o state lavorando a qualcosa di più ampio?
Il singolo fa parte del nostro nuovo album Tropic Of Dancer in uscita, salvo imprevisti, nel mese di dicembre in versione integrale.

Com’è fare musica nella terra del Delta del Po (che non è il Delta del Mississippi)?
Bella domanda! Non è facile e ci vuole passione, perché qui vere e proprie strutture professionali non esistono. Si tratta di rimboccarsi le maniche e organizzare situazioni da zero, ma non per questo meno ricche di adrenalina e divertimento puro! Proprio per questo motivo in questo periodo stiamo appoggiando i ragazzi di Wanna Be Collective (James, Andrea e Diego) che si sono posti l’obiettivo di organizzare in questa landa desolata delle serate per alimentare e diffondere il verbo del rock’n’roll, quello potente senza tanti fronzoli che ti fa muovere il culo, puntando, perchè no, anche alle nuove generazioni.

Comunque anche qui qualche bella eccezione esiste, una tra tutte il Royal Sound di Scardovari: un vero luogo magico, che si trova proprio vicino alle foci del Po, gestito da un vero NUMERO UNO di Nome Lorenzo!

I vostri prossimi progetti?
Fateci uscire dalla palude! La nostra ambizione è far ascoltare la nostra musica a più persone possibile, per cui chiamateci a suonare nei vostri locali! Tra l’altro abbiamo anche un bel po’ di materiale nuovo, per cui nel 2018 abbiamo l’obiettivo di dar vita al seguito di Tropic Of Dancer.

Grazie ai The Boylers per aver trascorso un po’ di tempo con il Blog della Musica
Grazie a voi per l’invito! troppo gentili. Ci si vede tra le nebbie della bassa!

Info: https://www.facebook.com/theboylers/

Leave a Reply

2 × 3 =